Yves Rocher ha estrapolato il potere delle molecole vegetali

E a La Gracilly conserva il cuore pulsante della ricerca di un'azienda unica al mondo

Yves Rocher

Elaborare, ottimizzare e formulare. Questo è il segreto degli esperti ricercatori della Cosmétique Végétale di Yves Rocher che nei loro laboratori studiano, coltivano e formulano prodotti di bellezza unici al mondo.

Tutto è iniziato grazie al fondatore di questo esclusivo marchio: Yves Rocher. Un botanico visionario che iniziò a realizzare i suoi prodotti di bellezza a base di piante nella soffitta della sua casa di famiglia inventando così un nuovo concetto di bellezza. Nel pieno rispetto della natura e della donna Yves Rocher ha istituito un modello economico innovativo che comprendeva tutte le fasi di vita dei prodotti dalla formulazione alla distribuzione, rendendoli accessibili a tutte le donne.

La Gacilly

Quello che rende unici i prodotti Yves Rocher è La Gacilly. Un borgo in Bretagna da cui tutto è partito, dove negli Anni ’50 Yves Rocher ha inventato la cosmesi vegetale, salvando il villaggio dalla piaga dell’emigrazione.

La Gacilly

La Gacilly oggi è il regno della Cosmetique Vegetal e dei fiori. Qui più di 2mila persone vivono e lavorano per l’azienda, in questo villaggio “cartolina” con colline in fiore attorniate di tetti dai riflessi argento, coltivando appezzamenti che cambiano colore ogni mese dell’anno, passando dal bianco della camomilla al giallo carico dell’arnica, dall’arancio della calendula al blu del fiordaliso. Ad incorniciare il tutto siepi miste, prati spontanei e boschetti che incrementano la biodiversità delle colture bio.

La Cosmétique Végétale negli anni è riuscita ad imparare e a decifrare i meccanismi vitali e di adattamento in ciascuno dei vegetali che studia per poterli trasferire alla pelle ottimizzando a pieno l’assimilazione dei prodotti. Perché la capacità della pelle di assorbire un principio attivo per utilizzarlo e trarne benefici è fortemente amplificata quando riconosce una molecola vegetale viva e naturale come lei.

Giulia Zambelli

Su