Violenza sulle donne, ad Aprilia sculture installazioni in ricordo delle sorelle Mirabal

Dal 23 al 28 novembre in via delle Margherite 69, oltre a dibattiti sulla violenza di genere, verranno esposte le opere dell’artista Francesco Guadagnuolo in memoria delle sorelle violentate e uccise a Santo Domingo nel 1960

In occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne indetta dall’ONU del 25 novembre, venerdì verrà inaugurata ad Aprilia, in provincia di Latina,  l’ esposizione “PasoDoble per le Donne: memorial per le sorelle Mirabal” con le opere di Francesco Guadagnuolo.

Le sorelle Mirabal

L’Atelier Cirillo Sposa (via delle Margherite 69, Aprilia) ospiterà la manifestazione che sarà visitabile fino al mercoledì successivo in ricordo delle sorelle Mirabal, violentate e uccise nel 1960, perché oppositrici della dittatura  di Trujllo a Santo Domingo.

Guadagnuolo, da sempre sensibile al tema della violenza di genere, cerca,  attraverso tre installazioni scultoree, di interrogarsi su questo devastante fenomeno caratterizzato da discriminazione e violazione dei diritti.

La prima scultura è un ricordo delle sorelle Mirabal: due mezzi busti rossi con con in mezzo un teschio bianco e scarpe rosse, diventate da qualche tempo simbolo dei soprusi nei confronti delle donne.

L’artista con la seconda opera “Femminicidio” vuole comunicare come dietro il manichino senza braccia e mani, visto come donna-oggetto, ci sia un corpo pensante.

Infine la terza scultura “La Sposa”- amore, sentimenti e contrasti, incentrata sul matrimonio. In alto una testa femminile dalla bellissima capigliatura, di colore rosso scuro che si contrappone al viso incerto e sospeso. Gli oggetti che si trovano sono tutti intrisi di valore simbolico, la coppia felice con le fedi nuziali separa la scatola rossa della scarpa, simbolo della violenza sulle donne a cui è andata ad imbattersi.

Oltre alle installazioni dell’artista ci saranno gli interventi, moderati dalla professoressa Patricia Renzi, della presidente dell’Associazione Agorà di Roma Barbara Del Bello, da Francesca Proietti Marengo e da Ilaria Cavallini, per un approfondimento socio-criminologico sulla violenza di genere.

Raffaele Biglia

*

*

Su