Tutto pronto a Praia a Mare per la 5ª edizione di “Prajazz 2018”

Grande attesa per la quinta edizione del Prajazz, evento ideato e coordinato dal pianista/compositore Umberto Napolitano e dall’assessore Antonino De Lorenzo con il contributo dell’Amministrazione comunale di Praia a Mare, guidata dal sindaco Antonio Praticò, in collaborazione con il “Peperoncino Jazz Festival”, il “Bar Branca” Praia a Mare e “Le mele” Jazz club, San Nicola Arcella

Il festival,  giunto  alla sua quinta edizione, si svolgerà  dal 24 al 26  agosto  2018  sotto la direzione   artistica  del  talentuoso pianista  praiese e presenta  anche quest’anno un  programma  ricco  di appuntamenti ad ingresso libero e ogni concerto arricchito da degustazioni gratuite, in collaborazione

Si potranno centellinare i vini delle  Cantine Spadafora (Cosenza), Fondazione Italiana Sommelier Calabria e Verbicaro  Viti e Viti.

Per l’edizione 2018, come quelle passate, il Prajazz ha ritenuto giusto coinvolgere alcune Onlus che operano sul territorio. In particolare quest’anno l’attenzione è dedicata al tema della “povertà educativa”.

Il 24 agosto dalle ore 21.30 ci ritroveremo in piazza Luigi Sturzo per la serata di apertura, affidata al “Prajazz per il sociale”. Interverrà la referente regionale di “Save The Children” Carla Sorgiovanni e sarà proiettato il video “Il Rap dei Diritti dei Bambini” a cura dell’Istituto Comprensivo di Praia a Mare.  Alle ore 22.00 sempre sul palco di piazza Luigi Sturzo o  in caso di pioggia, presso il Palazzo delle Esposizioni, “Stefano Sabatini trio”: Stefano Sabatini- Pianoforte; Francesco Puglisi-Contrabbasso e Pietro Iodice-Batteria.

Pianista versatile e raffinato, dallo stile moderno ma intriso della migliore tradizione jazzistica, Stefano Sabatini propone, in trio con gli ottimi Francesco Puglisi al contrabbasso e Pietri Jodice alla batteria, un repertorio formato prevalentemente da sue composizioni che mettono in evidenza, oltre alle sue doti pianistiche, anche quelle di compositore sensibile e ispirato, i cui brani, ariosi e cantabili e armonicamente brillanti, sono anche in grado di esprimere sensazioni robuste oppure ombrose e introspettive. Il grande gusto per la melodia, poi, rende la sua musica assolutamente comunicativa e coinvolgente. Un concerto da non perdere!

Il 25 agosto alle ore 22:00 in piazza Luigi Sturzo sarà di scena “Thomas Ferri-quintet”: Joe Magnarelli -tromba; Marco Ferri -sax tenore; Antonio Caps – organo Hammond; Adam Pache -batteria; Nicholas Thomas- vibrafono.

 Il quartetto Thomas-Ferri, composto dall’organista Antonio Caps e dal batterista australiano Adam Pache, propone un jazz nuovo e originale grazie all’accostamento del vibrafono, con organo hammond, sax e batteria e dopo un anno di tour tra Francia e Italia ha pubblicato “Blues for Eileen” (cd uscito per l’etichetta francese DSY Paris), vincitore del Premio Roberto Zelioli nel 2018. Il quartetto ha poi scritto un nuovo repertorio di composizioni originali, che presenta proprio in occasione di questo tour, che vede come ospite il trombettista americano Joe Magnarelli.

Il 26 agosto alle ore 22:00 sempre in piazza Luigi Sturzo di scena i “JAZZ  Idea And Songs”: Pietro Condorelli–Guitar; Simona Boo -voice; Francesca Masciandaro- flutes; Domenico Santaniello- double bass; Claudio Borrelli-drum.

Jazz Ideas & Songs non è un comune concerto jazz. Poesia, letteratura, cinema e perfino il rap si mescolano ai brani inediti del chitarrista casertano, il maestro Pietro Condorelli. In questo spettacolo Simona Boo oltre ad essere la voce narrante e naturalmente cantante, è anche l’autrice di alcuni dei testi realizzati sulle melodie dei brani strumentali di Condorelli, come “Evening Prayer”, “Ask Me Why”, e “Tribute To Unknown Hero”. Nel progetto Francesca Masciandaro al flauto, Claudio Borrelli alla batteria e Domenico Santaniello al contrabbasso.

*

*

Su