Terzo Valico, fondamentale le sinergie delle regioni del Nord Ovest per realizzare l’opera

Lara Magoni

GENOVA – L’assessore regionale al Turismo, Marketing territoriale e Moda Lara Magoni ha partecipato, questa mattina, a Genova, su delega del presidente Fontana, alla celebrazione della Santa Messa presso il camerone di innesto della galleria di valico Fegino-Polcevera, in occasione della festività di Santa Barbara. Alla cerimonia, celebrata dal cardinale arcivescovo di Genova Angelo Bagnasco, hanno partecipato, tra gli altri, il governatore della Liguria, Franco Toti, il vice ministro ai Trasporti e alle Infrastrutture Edoardo Rixi, il sindaco di Milano, Giuseppe Sala.

Lara Magoni assieme al sindaco di Milano Giuseppe Sala

Nel suo intervento, a margine della celebrazione, l’assessore ha ricordato l’importanza della collaborazione tra istituzioni e mondo privato per dar vita a politiche concrete a favore dei cittadini: “La sinergia tra la Liguria, il Piemonte e la Lombardia è fondamentale per la realizzazione di un’opera strategica come il Terzo Valico – ha sottolineato -. Le infrastrutture sono un bene prezioso per il rilancio dell’economia nazionale e soprattutto per il futuro dei nostri figli”. “Il Nord-Ovest – ha proseguito Lara Magoni – genera il 37 per cento del traffico merci italiano e far ripartire i nostri territori vuol dire far ripartire l’intero Paese”.

Lara Magoni, Giuseppe Sala e Franco Toti

“E’ un’emozione forte essere qui oggi – ha aggiunto -, un’intensità che mi rimanda alle emozioni di quando sono venuta, qui, a Genova, in forma privata, il giorno dei funerali delle vittime del ponte Morandi, il viadotto Polcevera che si è sbriciolato sotto gli occhi increduli di questa città. È l’occasione per volgere lo sguardo con lungimiranza”.

L’assessore Magoni ha poi dedicato un pensiero agli operai, ai tecnici e alle maestranze che stanno realizzando l’opera infrastrutturale: “State lavorando con grande impegno e abnegazione – ha detto, rivolgendosi loro -, siete il nostro orgoglio e gli ambasciatori di un’Italia prospera e moderna. Continuate così”

*

*

Su