Siglato protocollo per rafforzare i rapporti commerciali tra Regione Lombardia e India

Al centro delle discussioni del Bengal Global Business Summit 2019 di Calcutta l’internazionalizzazione delle imprese e la promozione di collaborazione con il Bengala, uno degli Stati indiani più in crescita

Fabrizio Sala, terzo da sinistra. Vicino a lui Gianpiero Mastinu,  Al suo fianco, il console generale d’Italia a Calcutta Damiano Francovigh. A destra, l’ambasciatore in India Lorenzo Angeloni

Regione Lombardia ospite d’onore in India per la firma del Protocollo di Intesa con lo Stato del Bengala Occidentale per promuovere cooperazioni imprenditoriali. La missione istituzionale a Calcutta nel corso della manifestazione ‘Bengal Global Business Summit 2019’ ha l’obiettivo di rafforzare una cooperazione già solida che ha portato nel 2018 quasi tre miliardi di interscambio (+19% rispetto all’anno precedente). Ricerca, innovazione, manifestazioni espositive e scambio di esperienze tecnologiche i pilastri del documento di accordo.

Fabrizio Sala durante il suo intervento

La firma del Protocollo ha fatto seguito all’incontro avvenuto lo scorso settembre tra il primo ministro del Bengala Mamata Banerjee e il presidente Attilio Fontana.

Presenti al meeting delegati da oltre 35 Paesi di tutto il mondo, in rappresentanza di Regione Lombardia il vicepresidente e assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala.

Con questo accordo –ha commentato il vicepresidente- vogliamo incentivare l’export della Lombardia in questo Paese e in particolare con l’emergente regione del Bengala in cui c’è tanta voglia dei nostri prodotti e delle nostre capacità. Un’ottima occasione per presentare lo scenario economico della nostra Regione che si conferma una delle principali forze sul panorama economico internazionale” .

Sono intervenuti all’incontro anche Luca Donelli, presidente del cluster lombardo Energy Cleantech, Gianpiero Mastinu, segretario generale del cluster lombardo della mobilità e Luigi Traiettino, presidente di Confindustria Caserta.

Raffaele Biglia

Su