Settimana di Pasqua, dolci, cioccolato e spumante valgono 149 milioni di euro in Italia e 59 in Lombardia

Per quanto riguarda i prossimi ponti del 25 aprile e 1 maggio sono in aumento i viaggi rispetto lo scorso anno, ma si resta in Italia o vicino

page dolci

MILANO – In netta salita l’impresa dei dolci in Lombardia, ma anche nel resto d’Italia, la crescita riguarda anche il cioccolato e lo spumante, con un fatturato, secondo i dati della Camera di commercio di Milano, di +1,6% in Lombardia e +2,8% in Italia e i settori legati alla Pasqua e in particolare alla settimana della festa valgono 59 milioni in Lombardia e 149 in Italia. Nella nostra regione le imprese del settore dolciario sono 758, nello stivale se ne contano 7mila, mentre gli addetti sono 10mila in Lombardia su 42 mila in Italia. In aumento gli addetti nel settore con +3% in Lombardia e +10% in Italia.

Secondo Pietro Restelli – presidente Associazione Panificatori Milano Monza e Brianza e Province (aderente a Confcommercio Milano): “È una Pasqua che tende a riportare sulle tavole delle famiglie la tradizione. Rilevo la propensione del consumatore ad acquistare un prodotto di qualità per celebrare, in famiglia, un momento di condivisione. Per quel che riguarda la tendenza, il 2017 non si discosta dall’anno che lo ha preceduto. La colomba artigianale è preferita dagli adulti. Per i più piccoli l’uovo rappresenta sempre un momento di festa, attesa e sorpresa. Un dato emerge, chiaramente: il consumatore è sempre più attento e consapevole e acquista la qualità”. In crescita anche il business dei viaggi rispetto lo scorso anno, infatti il business cresce del 5%. Italia, capitali europee, Spagna e Grecia le mete preferite. Si predilige il mare e le città d’arte per 3-4 giorni. A partire sono coppie e famiglie. In ultimo, i timori per la sicurezza fanno preferire mete più vicine. Non solo viaggi per la settimana di Pasqua, ma anche per il 25 aprile e 1 maggio. Luigi Maderna, presidente Fiavet Lombardia, Associazione delle agenzie di viaggio aderente a Confcommercio Milano precisa: “Ci sono dati positivi per i viaggi di Pasqua, ma anche per il 25 aprile e primo maggio. Quest’anno i ponti consentono una migliore organizzazione per chi vuol partire anche con pochi giorni di ferie. Il clima particolarmente mite e la Pasqua così avanzata fanno scegliere il mare più degli altri anni. Si sceglie uno stacco per pochi giorni all’ insegna della cultura o del riposo, senza allontanarsi troppo. Lo si fa, spesso riscoprendo le mete turistiche del nostro Paese o del Mediterraneo”.

I settori della Pasqua per aree territoriali in Lombardia vedono prima Milano con 271 imprese, in crescita del 3,8%, seguita da Brescia con 99 (+4,2%), Bergamo (88, +1,1%), Monza (77, +5,5%), Varese (61). Mentre i settori della Pasqua sull’intero territorio nazionale vedono prime Napoli con 759 imprese (+2,6%), Roma con 431 (+2,4%), Milano con 271 (+3,8%), Torino con 254 (+4,1%).

 

Manuelita Lupo

*

*

Su