Serata di classe per gli amanti del belcanto a Villa Medici Giulini di Briosco

Nel “Teatrino’ di Villa Medici-Giulini a Briosco ha avuto luogo il Concerto prenatalizio degli allievi della Masterclass di canto tenuta da Mariella Devia. Eseguiti brani di Handel. Massenet, Puccini, Verdi, Mozart. Si tratta del terzo di una serie di concerti, che ha concluso le cerimonie di inaugurazione del teatrino, i cui lavori sono stati ultimati alla fine dell’estate.

Il teatrino richiama nell’idea e nella impronta, informata al primo neoclassicismo, quella del “Teatro di Corte” realizzato su progetto del Piermarini nella Villa Reale di Monza, poco distante da Briosco. L’inaugurazione ufficiale, ha avuto luogo alla presenza del sottosegretario al Ministero dei Beni Culturali, Ilaria Borletti Buitoni, ed è stata preceduta da un concerto privato nel quale si esibiva il violino di Wolfang Amadeus Mozart, costruito da Pietro Antonio Dalla Costa nel 1764.

Da sinistra Ralph Alexandre Fassey, Fernanda Giulini, Laura Perego di Cremnago e Achille Colombo Clerici

“I suoni di Mozart”. Questo il tema ispiratore del concerto, conseguito con l’ uso degli strumenti musicali originali usati da Wolfang Amadeus: un fortepiano Anton Walter della collezione di Villa Giulini ed appunto il violino Costa appartenuto al genio musicale salisburghese.

Il violino era stato recato a Briosco per il concerto, con ogni cautela, direttamente dalla curatrice dello strumento, accompagnata da una delegazione di presidenza della Fondazione Mozarteum, invitata per la cerimonia di inaugurazione del teatro dalla padrona di casa Fernanda Giulini.
La cornice della seletta platea di ospiti era quella di gala. Il violinista austriaco Franz Stadler eseguiva brani del repertorio mozartiano.

Al concerto di chiusura della Masterclass-flauto di sir James Galway. Il maestro irlandese, accompagnato dal pianista Mirko Maltoni, si è esibito con la consorte lady Jeanne, anch’ella flautista, in una divertentissima esecuzione della marcia turca trascritta per i due flauti. Il concerto ha visto la partecipazione, come special guest artist, del solista dell’orchestra del Piccolo Maggio Fiorentino, Nicola Mazzanti.

 

Nella foto in alto i flautisti sir James Galway e lady Jane, con Nicola Mazzanti

*

*

Su