Scuola, in Italia coinvolte 40 mila imprese con 144 mila addetti e 10 miliardi di fatturato

Settore stabile, crescono gli addetti e trainano i corsi extra scolastici, tra cultura generale, lingue, sport

Settembre, finite le vacanze, riprendono le lezioni. Ma il lavoro non riprende solo per bambini, ragazzi e personale della scuola, sì perché questo universo fa decisamente bene all’economia. Infatti, tra produzione e commercio di libri e articoli di cancelleria, oltre al commercio al dettaglio di libri nuovi e usati, articoli per cartoleria, strumenti musicali, l’organizzazione di corsi, tra i quali i linguistici, sportivi e per il tempo libero, fino alle biblioteche private e gli archivi, si contano nel Bel Paese 40mila imprese con 10 miliardi di fatturato annuo e 144mila addetti. Questi dati sono resi noti dalla Camera di Commercio di Milano e fanno riferimento al secondo trimestre 2017. Nella nostra regione, la Lombardia, in particolare sono interessate al settore scuola 6 mila imprese, con 34 mila addetti e 4 miliardi di fatturato. Milano primeggia per il numero di addetti(18 mila), mentre Roma predomina per le imprese, se ne contano 3500 e oltre 15mila gli addetti. A seguire nella classifica ci sono Napoli con 3 mila imprese e oltre 10 mila addetti, Torino con circa 1.600 imprese e 6 mila addetti, Bari con oltre mille imprese e 3 mila addetti. Riguardo al business, la Lombardia fa da capofila con 4 miliardi, a seguire ci sono Emilia Romagna, Veneto e Lazio con un miliardo circa. Mentre relativamente agli affari sul territorio Milano, non ha praticamente rivali con 3,7 miliardi, Roma con circa un miliardo e circa 300 milioni fatturati da Piacenza, Vicenza, Firenze, Napoli, Torino, Bologna e Padova. Capitolo corsi extra-scolastici, anche questi ultimi sono in crescita +3,9%, tra cultura generale, lingue, sport e tempo libero. In particolare in Lombardia l’aumento è del +6%  e anche il numero degli addetti aumenta a livello nazionale, +3,3% e in Lombardia +5,2%.

 

Manuelita Lupo

 

 

*

*

Su