Scuola d’Arte Teatrale Treviglio, al via i saggi di fine anno

Tanti gli eventi in programma: dagli spettacoli del corso per bambini a Wiliam Shakespeare, passando per i numeri mozzafiato dei circensi e le interpretazioni del corso di lettura espressiva

Inizia sabato la festa per la conclusione dei  percorsi teatrali e circensi della Scuola d’Arte Teatrale Treviglio (SATS) con la presentazione al pubblico dei lavori finali dei corsi. Il 18 maggio infatti alle 20.30 al Teatro Filodrammatici (piazza Santuario 3- Treviglio)  apriranno la rassegna i piccoli del corso bambini presentando lo spettacolo dal titolo “Il lava colori”  che parla del signor Marietto, un impresario strampalato, che per fare un po’ di fortuna ruba i colori agli abitanti del paese per poi cercare di rivenderli a prezzi esorbitanti. Con astuzia e fantasia il sindaco del paese invita tutti i cittadini a riprendersi ciò che e’ stato loro rubato, come? … semplicemente inventando nuove storie per ridare colore a tutte le cose sbiadite. Uno spettacolo  inventato dai piccoli attori con  danze, dialoghi poetici, animazioni di oggetti, teatro d’ombre e animazione video. A seguire il palcoscenico  verrà lasciato  ai ragazzi del corso teatrale che con il loro spettacolo tratto dal racconto di William Golding “Il signore delle mosche ” daranno prova di bravura in una messa in scena corale che vede affiancata alla recitazione l’utilizzo delle tecniche del teatro d’ombre e del video. La storia parla di un aereo che precipita in mare, unica salvezza è l’isola disabitata che si trova nei pressi. Gli unici sopravvissuti al disastro sono un gruppo di ragazzi. Insieme si mettono subito all’opera nel tentativo di auto-organizzarsi e governarsi con regole precise senza alcun aiuto né controllo da parte di un’autorità adulta. Ben presto, la loro vita si trasforma in un incubo infernale: qualcosa comincia a non funzionare come dovrebbe, emergono difatti paure ancestrali del tutto irrazionali e comportamenti antisociali, da cui si sviluppa una vicenda che metterà a nudo gli aspetti più selvaggi e bestiali della natura umana.

Ma gli appuntamenti di fine anno non finiscono qui, infatti il 25 maggio alle ore 21.00 presso lo SPAZIO CORSI SATS (via Casnida- Treviglio)  ci sarà il saggio del  corso di lettura espressiva con lo spettacolo “Letture da bar” . Il pubblico potrà divertirsi ascoltando la voce dei lettori interpretare i racconti di Stefano Benni tratti dal suo capolavoro “Il bar sotto il mare”. Personaggi eccentrici e  un po’ buffi prenderanno vita  per regalare al pubblico una piacevole serata.  Il giorno dopo sempre alle ore 21.00 presso il Teatro Nuovo di Treviglio presentazione del saggio del corso di teatro adolescenti dal titolo “Odiessea per una tazza di the'” scritto dal drammaturgo francese Jean-Michel Ribes. Il palco del teatro nuovo sarà invaso dalla presenza di 30 adolescenti che metteranno in scena la rocambolesca storia di Ulisse.  I giovani attori interpreteranno in chiave moderna e parodistica i principali personaggi di questa epopea con grande energia e bravura.

Il 7 giugno alle ore 19.30 presso la palestra di viale Piave a Treviglio il teatro lascerà spazio al circo con una dimostrazione di lavoro dei corsi circensi: un susseguirsi di numeri e di abilità lasceranno il pubblico con il fiato sospeso mostrando  discipline come  la giocoleria, l’equilibrismo, l’acrobatica e le tecniche aeree.

Infine, il 23 giugno alle ore 21.00 sempre al TNT con gli spettacoli conclusivi dei corsi di teatro per adulti. Il corso di teatro base porterà in scena lo spettacolo “Shake”, azione corale dove gli attori interpreteranno i versi del più grande drammaturgo inglese Wiliam Shakespeare. I suoi più famosi personaggi rivivranno in scena grazie agli allievi di SATS che renderanno  omaggio al bardo attraverso l’interpretazione dei suoi più celebri sonetti accompagnati da una selezione di monologhi tratti dalle sue opere più famose. A seguire il corso di teatro intermedio calcherà la scena con uno spettacolo dal titolo “L’aumento” dello scrittore Georges Perec. Questa piece dal sapore ironico e dal ritmo incalzante e’ un vero e’ proprio manuale per riuscire nell’intendo di chiedere un aumento di stipendio al proprio capo ufficio. I personaggi di questa storia cercheranno con ogni mezzo di incontrare il loro superiore e ottenere il loro aumento, superando in questa avventura  una serie di ostacoli e avvenimenti ogni volta più’ surreali e assurdi.

 

Raffaele Biglia

*

*

Su