San Valentino, tra dolci e fiori al via il week end di business amoroso

Ventunomila imprese in Lombardia e 156 mila in Italia tra ristoranti e regali. Business giornaliero da 10 milioni in Italia e 3 milioni in Lombardia. Crescono Milano, Sondrio e Varese (+4%). In Italia prime per imprese e addetti Roma, Napoli e Milano

Perché l’amore, si sa, fa bene al cuore. Tra dolci e fiori al via nel weekend il business di San Valentino. Sono quasi 21 mila le imprese della festa in Lombardia su 156 mila attive in Italia, secondo i dati 2017 elaborati da Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi. Crescono del 2,6% in un anno in regione, con una media nazionale del +1,9%. Si tratta per lo più di ristoranti (16.157), fioristi e negozi di preziosi (circa 1.800 ciascuno). Danno lavoro a 100 mila addetti. Sono imprese che, nei settori dei regali, hanno un business giornaliero di circa 10 milioni in Italia, di cui circa un terzo in Lombardia, pari a circa 3 milioni e circa 1,5 milioni a Milano.

San Valentino, vanno dunque i dolci a forma di cuore e business su del 20% per pochi giorni prima del 14. Lo dicono le panetterie e pasticcerie con dolce milanese artigianale e tradizionale. “I dolci a forma di cuore – rileva Alfredo Giordano, consigliere di Assofood (Associazione del dettaglio alimentare di Confcommercio Milano) – sono la prima scelta per sette su dieci, ma si vendono anche torte e cioccolatini dedicati al tema e pasticceria mignon”. E prevale il cliente maschio che compra per la dolce metà. “Nell’omaggio floreale, invece – rileva l’Associazione fioristi di Confcommercio Milano con il presidente Anna Lucia Carbognin e il vicepresidente Ernesto Corbella -, oltre agli apprezzati bouquet e a composizioni di rose rosse a forma di cuore, fanno tendenza: sushi floreali (minicomposizioni di fiori); le scatole a forma di cuore con al loro interno le rose rosse; Candy Roses e Chocolate Roses (rose immerse in una soluzione caramellata o nel cioccolato) e le rose criotrattate”.

L’offerta più ampia per i fidanzati si trova a Milano, dove si concentrano 7.504 imprese, seguita da Brescia con 2.985 imprese e Bergamo con 2.083 imprese. Vengono poi Varese (1.662), Monza e Brianza, Como e Pavia con circa 1.200 imprese ciascuna mentre in un anno crescono soprattutto Milano e Sondrio (+4%), Varese (+3,6%). Emerge da un’elaborazione sulle imprese al terzo trimestre 2017 e 2016. In Italia, Roma è prima con 14 mila attività e 47 mila addetti, seguita da Napoli con 8.208 imprese (25 mila addetti) e Milano con 7.504 che è però seconda per addetti (42 mila). Vengono poi Torino con 5.686 imprese, Bari e Salerno con oltre 3.500. Tra le prime 20 anche le lombarde Brescia (8°) e Bergamo (18°).

Alessandra Pirri

 

*

*

Su