Rinnovato l’anno formativo per giornalisti al Centro Studi Criminologici di Viterbo

VITERBO – Com’è noto ormai da un po’ di tempo, anche perché se n’è parlato spesso qui su Giornale Metropolitano, il Centro Studi Criminologici Giuridici e Sociologici di Viterbo, oltre ad essere iscritto all’anagrafe nazionale delle ricerche presso il Mi. I. U. R. ed essere stato riconosciuto dalla Regione Lazio come ente formatore, è anche ente formatore terzo autorizzato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti. Il primo anno e mezzo di formazione per i giornalisti, professionisti o pubblicisti, è già stato oggetto di un apposito articolo, a cui si rimanda integralmente. Una sola riflessione è bene ripetere: l’intento di creare un centro di raccolta e di riflessione per i giornalisti della zona sta cominciando a dare i suoi primi risultati, attesa la sempre più assidua e partecipata presenza dei cronisti alle attività formative del Centro. I corridoi e le aule sono stati visitati non solo dai cronisti della Tuscia e della Sabina, ma anche da colleghi di Roma e della Campania, con sparuti casi di frequentatori dalla Lombardia e dalla Sicilia.

Le attività formative sono tutte gratuite: non solo quelle deontologiche, così come imposto dall’Ordine, ma anche quelle non deontologiche. La caratteristica della gratuità fa riferimento proprio alla necessità di creare quel punto di incontro, di discussione e di crescita professionale che il Centro si propone di essere. Gli incontri formativi del Centro sono tutti quanti rivolti ad aree di interesse e di studio del Centro stesso, ed attengono tutti a materie giuridiche, psicologiche, criminologiche, con un’attenzione particolare alla tutela dei beni culturali – in cui il Centro si è specializzato – ed uno sguardo alle tematiche internazionali più attuali. Anche nell’anno formativo in corso, il Centro ha rinnovato la sua offerta gratuita e spera nell’essere riconfermato quale punto di raccolta e di crescita per i giornalisti che vorranno onorarlo della loro scelta. L’anno 2019, in particolare, è l’anno in cui scadrà il triennio formativo e, coloro che abbiano accumulato lacune o ritardi nella formazione, potranno approfittare dei numerosi seminari che sono stati già pianificati e sono già tutti nella piattaforma SIGEF. Alcuni corsi già rodati sono stati riproposti perché particolarmente richiesti o, semplicemente, perché il numero di colleghi rimasti in lista d’attesa che non sono riusciti a frequentarli era troppo elevato. Altri seminari sono del tutto nuovi, nel tentativo di sperimentare altri argomenti da sviluppare e trattare. Attualmente i corsi pianificati sono 10, ma nulla esclude che il parterre formativo possa ampliarsi e diversificarsi nei prossimi mesi.

Oltre che ai giornalisti che scelgono, hanno scelto e sceglieranno il Centro Studi Criminologici per la loro formazione, il ringraziamento non può non andare anche ai docenti che – gratuitamente – hanno voluto mettere la loro esperienza al servizio di una professione fondamentale, quella giornalistica, che presidia e tutela alcuni dei più importanti diritti fondamentali dell’uomo: la libertà di espressione e di pensiero, la libertà di stampa e di informazione.

Di seguito il calendario dei primi corsi pianificati:

  1. 12/01/2019 Aspetti giuridici, l’informazione e gli strumenti di comunicazione – evento deontologico a cura dell’avvocato e giornalista Lara Stefàni;
  2. 23/02/2019 Patrimonio culturale e aggressione criminale: interpretare e comunicare il fenomeno delle archeomafie ‒ a cura del giornalista prof. Tsao Cevoli, direttore del Master in Archeologia Giudiziaria del CSC;
  3. 27/04/2019 Bullismo e risonanze mediatiche: approccio ad una comunicazione giornalistica funzionale del fenomeno – a cura della psicologa dott.ssa Valentina Tanini, direttore del Dipartimento di Psicologia Giuridica del CSC;
  4. 04/05/2019 Devianza e sanzione, carcere e riabilitazione ‒ a cura dell’avv. Claudio Mariani, Direttore Area criminologia e sociologia della devianza del CSC;
  5. 15/06/2019 Disturbi di personalità e reati: approccio metodologico nell’intervista giornalistica” ‒ a cura dello psicologo dott. Paolo Dattilo, direttore dell’Area di Psicologia del CSC;
  6. 06/07/2019 Il Diritto Internazionale Umanitario per giornalisti: fonti, principi,e definizioni ‒ a cura del dott. Domenico Martinelli, giornalista e direttore dell’Area Giornalismo del CSC;
  7. 07/09/2019 Politiche di sicurezza comune. Le organizzazioni internazionali e le missioni di pace. Un approfondimento per i giornalisti ‒ a cura del dott. Domenico Martinelli, giornalista e direttore dell’Area Giornalismo del CSC;
  8. 05/10/2019 La diffamazione. Un reato ‘da giornalisti’? Aspetti giuridici e prospettive future ‒ evento deontologico a cura dell’avvocato e giornalista Lara Stefàni;
  9. 16/11/2019 La vittimologia: un approfondimento concettuale e linguistico per giornalisti‒ a cura dell’avv. Claudio Mariani, Direttore Area criminologia e sociologia della devianza del CSC;
  10. 14/12/2019 Il minore, autore e vittima del reato. Tra diritto e informazione ‒ evento deontologico a cura dell’avvocato e giornalista Lara Stefàni.

Tutti i corsi si terranno nelle date indicate, presso la sede del Centro Studi Criminologici, sita in Viterbo, piazza San Francesco 2. Maggiori informazioni sono rinvenibili sul sito www.criminologi.com, sui social network e, ovviamente, sulla piattaforma SIGEF.

 

Domenico Martinelli

 

Su