Regione Lombardia, stanziati 3,2 milioni di euro a sostegno dell’apicoltura lombarda

Il settore apistico lombardo conta tremila operatori e 140.000 alveari

La Regione Lombardia, su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi, ha approvato, ieri, il Programma triennale apicolo  regionale 2020-2022. Il documento stabilisce le linee generali per l’attuazione delle azioni dirette a migliorare la produzione e la commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura. Il finanziamento totale ammonta a 3,2 milioni di euro.

“Vogliamo promuovere la qualità dei prodotti lombardi e contrastare l’importazione di miele sintetico dalla Cina – ha dichiarato Rolfi -. L’allevamento apistico della nostra regione è oggetto di crescente attenzione, non solo per le sue produzioni di riconosciuta qualità, ma anche perché rappresenta la fonte di reddito principale per 350 operatori. I piccoli operatori nella nostra regione sono addirittura 3.000 e con l’attività impollinatrice contribuiscono alle produzioni agricole e al mantenimento della biodiversità vegetale”. 

“La Lombardia conta circa cinquemila apicoltori fra professionisti e hobbisti e oltre 143 mila alveari, il 12% del totale nazionale – ha sottolineato l’assessore -. Dedichiamo a questo piano d’azione 3,2 milioni di euro grazie a fondi comunitari e nazionali”.

Gli interventi finanziati riguarderanno innovazione e sviluppo, contenimento delle avversità sanitarie, miglioramento della qualità delle produzioni, sviluppo del mercato del miele lombardo e sviluppo del patrimonio apistico lombardo.

“E’ un settore che merita di essere valorizzato, perché sa offrire prodotti di alta qualità e altamente distintivi, oltre a una sicurezza alimentare che non si riscontra nei prodotti che importiamo dall’altra parte del mondo. Alcuni temi come la lotta alle patologie apistiche sono fondamentali – ha concluso Rolfi -. Vogliamo sostenere la redditività delle aziende e il loro patrimonio, promuovendo progetti comuni stabiliti anno per anno”. 

Su