Pausa pranzo: gli errori che non fanno dimagrire

I sette sbagli da evitare per migliorare la vostra linea

Capita spesso di sottovalutare il pranzo. Ma questo pasto è molto importante, perché dà le energie per affrontare al meglio il resto della giornata. Non solo in termini di produttività ma anche di perdita di peso. Mangiare in modo corretto è indispensabile se si vuole evitare di ingrassare o se c’è qualche chilo di troppo da perdere. È anche una buona abitudine per prendere una pausa, dai problemi o dal lavoro e ricaricarsi, per tornare alle attività con un piglio più efficiente e positivo.

Alcune volte si arriva all’ora di pranzo con lo stomaco che “borbotta” dalle 10:30. O si è talmente presi dalle cose da fare che arrivano le 17 e si vorrebbe mangiare tutto quello che ci si trova davanti. Bastano 30 minuti per staccare e mangiare il nostro pranzo. Ecco i 7 errori più comuni da evitare durante il break:

Mangiare fuori
Sei tra quelli che in pausa pranzo prende un panino al bar o si ferma in qualche ristorante? Per evitare di mangiare un panino, alimenti sbagliati o preconfezionati la soluzione più facile (e anche la più economica) è quella di preparare la sera o il mattino un piatto veloce da portare al lavoro. Basta cucinare qualcosa in più la sera e oltre ad evitare alimenti sbagliati e carichi di kilocalorie risparmiamo anche qualche “soldino”.

Mangiare velocemente in tempi record
Anche se non si ha tanto tempo a disposizione, non c’è bisogno di mangiare troppo velocemente. Il pericolo dei pranzi veloci è quello di non prestare attenzione alle porzioni con il risultato di esagerare con le calorie. Ritagliarsi 30 minuti per il pranzo è la scelta ideale, migliora la digestione e posticipa il senso di sazietà.

Curiosità: uno studio pubblicato sul Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics ha scoperto una correlazione diretta tra la velocità con cui si mangia e l’indice di massa corporea (BMI).

Rimanere davanti al pc
Se questa è una delle tue abitudini cerca di cambiarla. Esci, mangia in un parco all’aria aperta o con i tuoi colleghi. Cambia scrivania o cerca di pranzare insieme a qualcuno così trasformi il pranzo in una attività sociale. Ritagliarsi un momento per il pranzo e socializzare mette in pausa il cervello ma soprattutto non ci deconcentra dall’attività che dovremmo svolgere: mangiare.

Evitare cibi troppo grassi o calorici
Un altro consiglio importante è quello di non appesantirsi. È giusto recuperare le energie ma gli alimenti troppo grassi o troppo calorici rallentano la digestione, appesantiscono e non aiutano ad affrontare al meglio il resto della giornata. E la nostra linea ne pagherà le conseguenze.

Mangiare solo insalata
Mangiare solo due foglie di lattuga a pranzo non è una buona idea. Perché non è un pasto equilibrato e non è nemmeno in grado di saziare l’appetito. Anche durante la dieta è giusto bilanciare i macronutrienti.

È meglio preferire una buona insalatona a foglia verde con altre verdure (cetrioli, carote, peperoni…) una proteina (ceci, pollo, feta…) e anche qualche carboidrato (farro, quinoa, couscous…). Per finire la nostra insalata manca solo un filo d’olio extravergine d’oliva o qualche fetta di avocado.

Bere bibite
Bisogna sempre preferire l’acqua. Spesso i succhi e le altre bibite contengono calorie e zuccheri che non placano la sete. Per dare un pò di sapore all’acqua aggiungi qualche fetta di limone, zenzero o cetriolo. Anche l’acqua di cocco è una buona alternativa rinfrescante.

Arrivi al pranzo con troppa fame
Fai colazione troppo presto la mattina o la salti del tutto? È normale avvertire all’ora di pranzo uno smisurato senso di fame e mangiare di tutto senza controllo. Prova con uno spuntino a metà mattina con uno yogurt magro con frutti di bosco o delle fette di mela con del burro di mandorle.

Giulia Zambelli

Su