Parigi – Shakespeare and Company Bookstore, quando Shakespeare approda sulle rive della Senna

Una storica libreria, a pochi passi da Notre Dame, dove gustare la cultura inglese sulla Rive Gauche

“Essere o non essere…”. Però rigorosamente a Parigi. Si tratta di Shakespeare and Company, storica libreria situata nel quartiere latino, sulla Rive Gauche della Senna, la riva degli artisti. Tempio parigino per gli amanti della letteratura anglofona, la prima libreria che, negli Anni venti, divenne luogo di incontro per grandi scrittori come Ezra Pound e Ernest Hemingway. Il motto della libreria era sin dal 1951 “be not inhospitable to strangers lest they be angels in disguise”.

Il fatto che questa libreria sia stata oggetto delle attenzioni del regista Woody Allen (che tra l’altro, decide di includere nel suo film tributo a Parigi “Midnight in Paris”), parla da sé. Lo stile romantico, nostalgico e un po’ sognatore con cui questo regista hollywoodiano dipinge la città attraverso istituzioni come questa libreria, non è molto diverso dalla realtà. E, tra gli altri film girati al suo interno, ricordiamo anche una bella scena in Before Sunset (Prima del tramonto), film girato a Parigi con Ethan Hawke e Julie Delpy. I due protagonisti si incontrano proprio tra i libri di questa magica libreria.

Fu aperta da Sylvia Beach il 17 novembre 1919 al numero 8 di rue Dupuytren, per poi essere trasferita nel 1921 al 12 di rue de l’Odéon, dove rimase fino al 1941, anno in cui venne chiusa a causa dell’occupazione tedesca di Parigi e non venne più riaperta. Nel 1951, un’altra libreria venne aperta da George Withman sulla riva sinistra di Parigi con il nome di Le Mistral e, alla morte di Sylvia Beach nel 1964, venne cambiato in suo onore in “Shakespeare and Company”. Definita da Whitman come “un’utopia socialista mascherata da libreria”, Shakespeare and Company è stata per anni crocevia di scrittori e poeti parigini e, soprattutto negli Anni cinquanta, è stata luogo d’incontro per molti scrittori della beat generation.

La libreria esiste ancora oggi al 37 di rue de la Bûcherie, vicino Place St.Michel, ed è gestita dalla figlia di Whitman, Sylvia. Vera e propria istituzione letteraria di Parigi, la libreria organizza regolarmente anche straordinari eventi come il sunday tea, presentazioni di libri, letture poetiche e incontri con gli scrittori.

La libreria funziona anche da hotel per i giramondo, i viaggiatori, gli artisti o gli scrittori di tutto il mondo. Ci sono 8 posti letto al secondo piano disposti tra gli scaffali pieni di libri. Per poter passare una notte qui, bisogna ricevere l’invito della proprietaria. Non tutti possono partecipare, e l’invito è solitamente limitato a scrittori, esperti di letteratura e grandi amanti dei libri. In cambio, l’ospite dovrà sdebitarsi con piccoli lavoretti all’interno della libreria per un’ora al giorno, come spolverare i volumi, spazzare, leggere un libro e scrivere una piccola biografia che verrà conservata in questo luogo intriso di storia.

La libreria è anche sala da lettura. Qui è possibile infatti soffermarsi su una poltrona confortevole per passare un po’ di tempo leggendo un libro senza essere disturbati (se non da qualche gatto che circola liberamente al suo interno).

 

Alessandra Pirri

*

*

Su