Parco Lambro ripulito e 100 querce al Parco di Rogoredo il dono degli alpini a Milano

È consuetudine che gli alpini ad ogni adunata lascino offrano un’opera –utile e concreta- alla città che li ha accolti e ospitati. In occasione del Centenario di fondazione dell’Associazione Nazionale Alpini si è pensato a un’iniziativa green, anzi “evergreen”. Al discusso Parco di Rogoredo già nel mese di marzo sono state piantumate 100 nuove querce, nell’ambito di un progetto di riqualificazione dell’area a cura di Italia Nostra. In questi giorni, invece, si è proceduto a bonificare la vegetazione del Parco Lambro e l’alveo del fiume. La cerimonia ufficiale di consegna della duplice opera alla città, nella persona del vicesindaco Anna Scavuzzo, avverrà nel pomeriggio di venerdì, al Parco Lambro (ingresso da via Feltre).

Nell’annunciare l’evento il COA-Comitato Organizzatore Adunata si fa portavoce di tutti gli alpini che hanno contribuito a realizzare la tre-giorni e chiede alla cittadinanza di accogliere le penne nere, ma soprattutto i valori che rappresentano, esponendo alle finestre il Tricolore.

La piantumazione degli alberi

E’ un’anima verde quella degli alpini. Tutti li sanno presenti e attivi nelle situazioni di grandi emergenze ambientali, ma pochi conoscono i loro piccoli gesti quotidiani per preservare la natura. Dopo che lo scorso anno a Trento nel post-Adunata avevano donato alla città un parco giochi interamente realizzato con i rifiuti ottenuti dalla raccolta differenziata durante la manifestazione, quest’anno tocca di nuovo a un’opera green.

Nell’ambito di un progetto di riqualificazione della tristemente nota area del bosco di Rogoredo a cura di Italia Nostra, nel mese di marzo una trentina di volontari alpini hanno provveduto alla piantumazione di 100 nuove querce lungo la ciclabile che conduce all’Abbazia di Chiaravalle. In quest’ultima settimana, una sessantina di altri volontari, si è invece impegnata –sotto la direzione dell’Area Verde Agricoltura e Arredo Urbano del Comune di Milano- nella bonifica della vegetazione del Parco Lambro e -in collaborazione con i volontari sub del CCV-Comitato di Coordinamento delle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile della Città Metropolitana di Milano- alla pulitura dell’alveo del fiume, al fine di combattere il rischio idrogeologico.

Su