Oltre 20.000 visualizzazioni su YouTube per il cortometraggio “Il Demone dell’Acqua”

Il Demone dell’Acqua, il cortometraggio scritto e diretto da Cristian Tomassini e prodotto da Indivision, è disponibile in versione completa su YouTube al seguente link: https://youtu.be/iUVrjj2JF4c. In pochi giorni dalla pubblicazione online, il corto ha superato le 20.000 visualizzazioni e il passaparola sembra non fermarsi. Dopo l’anteprima esclusiva in streaming su MyMovies.it, Il Demone dell’Acqua è a disposizione del pubblico e della critica per sensibilizzare su un tema attuale e fondamentale come l’immigrazione. Racconta il tema dell’immigrazione in una chiave sci-fi originale e innovativa.

Ha vinto il Los Angeles Film Awards, il Woodengate Film Festival, l’Indie Best film Festival di Santa Barbara in California, e l’Hrizantema fantasy and horror in Serbia.

Ed è stato selezionato in numerosi festival italiani e internazionali, tra cui  Corto Nero 2018, Drop – Horror Film Festival and Awards, FIPILI Horror Festival 2018, Trieste Science + Fiction Festival, Roma Cinema doc, MigrArti Film Fest, GEA Film Fest, IBESTFF e Chimeera COMIX 2018.

Kanu è un ragazzo etiope che, a bordo di un barcone pieno di disperati, insegue una nuova vita in Europa. Speranzoso ha tra le mani una lettera della quale non capiamo inizialmente la provenienza. Dopo pochi attimi si addormenta con il sorriso sulle labbra. Il barcone è vittima di un terribile naufragio, protagonista di un incubo psichedelico e simbolico del nostro protagonista: Kanu sogna di essere Kurtz, l’ultimo dittatore di un impero decadente asserragliato su di un’antica villa europea. La voce fuori campo della sua segretaria (caucasica) ci descrive gli ultimi momenti della vita di Kurtz che, in preda ai suoi ultimi deliri di onnipotenza, risveglia una strega attraverso dei riti magici per affidarle il compito di porre fine alla sua esistenza. Intanto ci sono continui rimandi dell’incubo, quello che nella realtà sta avvenendo a Kanu, e l’acqua inizia a invadere la villa e i suoni del naufragio si fanno sempre più intensi.

*

*

Su