Nelle scuole di Milano e Monza arriva “Latte days”

La Lombardia con oltre il 40% di produzione è la regina del latte Made in Italy

Attività informative, ludiche, degustazioni e assaggi di diversi prodotti, per far gustare ai bambini i prodotti della filiera, primo fra tutti il latte. Partono così  i “Latte days” della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi. Il progetto fa parte di quello più ampio a carattere nazionale dal titolo “Programma latte nelle scuole”, promosso dal Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali e da Unioncamere. L’iniziativa coinvolgerà oltre 50 scuole a Milano con oltre 500 classi e circa 15 mila bambini. I bambini di Monza che parteciperanno saranno circa mille. “Le Camere di commercio – spiega Giovanni Benedetti, direttore di Coldiretti Lombardia e membro di giunta della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi – avranno a livello nazionale un nuovo ruolo per la promozione del settore lattiero: sarà infatti avviato un percorso di sensibilizzazione sul consumo del latte e dei suoi derivati, dando informazioni corrette sull’importanza di questo alimento sia per la nostra salute, sia per l’economia dei territori. In Lombardia metteremo a confronto gli operatori del settore, le scuole per promuovere il consumo nei bambini per una migliore crescita, e il mondo della ricerca, per un prodotto sempre più di qualità che vada incontro ai nuovi gusti dei consumatori”.

Secondo quanto precisa Ettore Prandini, presidente di Coldiretti Lombardia : “La filiera del latte Made in Italy  rappresenta una garanzia per il consumatore: per questo è particolarmente importante valorizzare il latte 100% italiano dalla mungitura alla tavola, grazie al suo legame con il territorio con la sicurezza di controlli che non hanno eguali al mondo realizzati dalla rete di veterinari più estesa d`Europa e che garantiscono freschezza e qualità.” Inoltre con l’etichetta di origine entrata in vigore l’anno scorso, voluta da Coldiretti i consumatori hanno la certezza della provenienza del latte e dei prodotti lattiero-caseari come burro, formaggi, yogurt, che mettono sulle loro tavole. Secondo i dati di Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi la Lombardia con una produzione che supera il 40% del totale nazionale, la Lombardia si conferma regina del latte Made in Italy.Secondo i dati della Camera di commercio sulle sedi di impresa attive al 2017, sono oltre 4 mila imprese collegate alla produzione e alla distribuzione specializzata su un totale nazionale di 41 mila. Nell’ultimo anno tiene il settore a livello regionale (-0,8%) rispetto al dato italiano (-2,5%): nello specifico, cresce a Bergamo (+5%), resta stabile a Brescia, Como e Milano. Gli agenti che si occupano del settore sono in decisa crescita, oggi ne sono presenti 297 in Lombardia (+30% in cinque anni) su quasi 2 mila in Italia (+23%). Brescia e Mantova sono le prime province per numero di imprese, con oltre 800 attività, seguite da Sondrio con oltre 700, Cremona, Milano e Bergamo con quasi 500. Mentre gli addetti operanti in Lombardia nei settori specializzati legati al latte su un totale nazionale di 55 mila, sono quasi 7 mila. Ai primi due posti con oltre mille addetti ci sono le province di Mantova e Brescia, seguono Sondrio e Milano con circa novecento, Cremona con oltre 800, Bergamo con circa 700.

Manuelita Lupo

*

*

Su