Monza, inaugurato reparto di Terapia Intensiva Neonatale all’ospedale S. Gerardo

MONZA – Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha inaugurato questa mattina, all’ospedale San Gerardo di Monza, i nuovi spazi del reparto di Terapia Intensiva Neonatale della Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma, organizzati in ‘single family room’ per accogliere i bimbi prematuri e le loro famiglie.

All’evento hanno partecipato il presidente della Fondazione MBBM (Fondazione Monza e Brianza per il Bambino e la sua Mamma),
Giuseppe De Leo, quello del Comitato Maria Letizia Verga, Giovanni Verga, il direttore del reparto di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale della Fondazione MBBM, Paolo Tagliabue. Presenti anche Massimo Giupponi, direttore generale ATS Brianza, Matteo Stocco, direttore generale dell’ASST di Monza, e Dario Allevi, sindaco di Monza.

“Sono molto lieto – ha detto Fontana – di inaugurare alla vigilia della ‘Giornata mondiale della prematurità’, che si celebra domani, la prima Terapia Intensiva neonatale ‘Family’, unica realtà in Italia. L’eccellenza della sanità lombarda non è fatta solo di abili e qualificati professionisti, ma anche e soprattutto dalla umanizzazione delle cure prestate, e questi nuovi spazi, che consentiranno ai neonati fragili di stare sempre a contatto con la mamma, lo dimostra”.

Il nuovo reparto di terapia intensiva neonatale dispone di 12 posti letto per le cure intensive ed è organizzato in single family room di circa 24mq ciascuna dove il neonato può essere accolto in un ambiente che favorisca la presenza costante e il contatto con i familiari. Il reparto, si caratterizza, inoltre, per un avanzato profilo tecnologico: grazie a una piattaforma informatica certificata, dati e allarmi, provenienti da monitor e dispositivi medicali, arrivano al personale medico e infermieristico attraverso smartphone dedicati.

“Voglio ringraziare – ha concluso Fontana – la Fondazione MBBM per aver contribuito con i suoi specialisti e la sua attività di ricerca, a rendere la Neonatologia del San Gerardo, centro di riferimento per il neonato a rischio dell”intera Brianza. Questo è un altro esempio della virtuosità tra pubblico e privato che caratterizza il sistema sanitario regionale. Una ‘virus’ tutto lombardo che
vorremo trasmettere al resto del Paese”. 

*

*

Su