Milano, via Montenapoleone omaggia Leonardo da Vinci

Mostra open air, dal 10 al 16 giugno, nella famosa via dello shopping milanese in onore del genio toscano che ha vissuto oltre vent’anni nella città meneghina. L’artista Mirko Baldini esporrà dieci disegni ispirati ai Codici di Leonardo e reinterpretati in chiave pop

La via dello shopping di lusso milanese si prepara a celebrare Leonardo da Vinci nel cinquecentesimo anniversario dalla sua morte. Via Montenapoleone infatti, dal 10 al 16 giugno, ospiterà una mostra open air (“Leonardo da Vinci a vision of a genius “) dove verranno esposti dieci disegni, tratti dai Codici di Leonardo, accompagnati dalle stesse opere in chiave pop aerografate dall’artista Mirko Baldini, conosciuto anche come Koro Design.

L’iniziativa organizzata da Montenapoleone District con il patrocinio del Comune di Milano si inserisce nel fitto calendario di eventi per rendere omaggio al genio toscano nella capoluogo meneghino, come i  variopinti cavalli di design esposti in diverse piazze in onore del Cavallo di Leonardo all’ingresso dell’Ippodromo di San Siro.

Mirko Baldini alias Koro Design

Mirko Baldini, specializzato in personalizzazione di oggetti e capi di abbigliamento, propone davanti alle boutique più ricercate una rivisitazione in chiave pop delle opere leonardesche.

“Dopo il successo del Chinese New Year, con la preziosa collaborazione dell’artista Liu Bolin, continua la volontà di Montenapoleone District di realizzare eventi a tematica culturale ed è in questo contesto, e in occasione dell’anniversario, che si inserisce la mostra dedicata a all’artista” ha dichiarato Guglielmo Miani, presidente di MonteNapoleone District. “E’ molto importante per noi trasmettere il concetto, che è anche alla base dell’eccellenza dei nostri marchi, che la bellezza e la qualità italiane sono il frutto di una cultura millenaria”.

Leonardo da Vinci ha trascorso a Milano i suoi anni più fecondi, quasi diciotto (dal 1482 al 1499) alla corte di Ludovico il Moro e, successivamente, dal 1503 al 1508 presso la corte del governatore Charles d’Amboise durante la prima dominazione francese. Nel capoluogo lombardo ha lasciato alcune tra le sue opere più importanti e dunque Montenapoleone District desidera mostrare come l’inventore toscano sia stato capace, con i suoi studi e la sua creatività, di arrivare laddove nessun altro uomo del suo tempo aveva osato spingersi.

 

Raffaele Biglia

Su