Milano, per vendita di alcolici fuori orario chiusi sette negozi e una discoteca

La Polizia Locale ha eseguito otto ordinanze emesse della Prefettura di Milano

MILANO – Una discoteca e sette esercizi di vicinato A Milano hanno ricevuto nei giorni scorsi dalla Polizia Locale l’ordinanza di chiusura temporanea emessa dalla Prefettura di Milano per aver venduto alcolici fuori dagli orari consentiti dalla legge.

In base alle normative, infatti, la vendita e la somministrazione di alcolici e superalcolici è vietata per gli esercizi pubblici dalle 3 alle 6 del mattino, mentre per gli esercizi di vicinato non è ammessa la vendita di alcolici dalle 24 alle 6 del mattino.

Le sanzioni sono scattate dopo un ciclo di controlli effettuati dall’Annonaria della Polizia Locale, sotto la direzione del comandante Marco Ciacci, nel corso dei quali gli agenti hanno monitorato l’attività dei gestori dei locali e dei negozi e verificato il mancato rispetto delle regole.

Nei primi sei mesi del 2019 questi controlli hanno portato a elevare 33 sanzioni amministrative di 6.666 euro, principalmente a esercizi di vicinato che non avevano rispettato le norme sugli orari di vendita degli alcolici. Una di queste sanzioni è stata elevata per aver somministrato bevande alcoliche a minorenni.

Quando a un esercente vengono notificate due distinte violazioni nel biennio, la Prefettura predispone l’ordinanza di chiusura di sette giorni, che aumentano a quindici se la violazione è stata commessa tre volte in due anni. Questa ordinanza viene notificata al proprietario dalla Polizia Locale, che mette i sigilli al locale.

L’ordinanza di chiusura per sette giorni è stata notificata alla discoteca Time Club di via Massarani e ai minimarket di via Zuretti 2, viale Monte Ceneri 11, via Padova 34 e via dei Transiti 1, mentre per gli esercizi di vicinato di piazza Firenze 4, via Padova 64 e via Romilli 14 è stata disposta la chiusura per 15 giorni.

“Raccogliamo le segnalazioni che ci arrivano dai cittadini e dai Municipi – ha spiegato la vicesindaco Anna Scavuzzo – che lamentano comportamenti scorretti e illeciti da parte di esercenti, soprattutto la sera e di notte. La collaborazione con la Prefettura è costante e condivisi sono gli obiettivi di contrasto all’illegalità che spesso genera anche degrado, e di difesa degli esercenti onesti che rispettano le regole”.

*

*

Su