Milano, MonteNapoleone District festeggia il Capodanno cinese

Dal 3 al 10 febbraio MonteNapoleone District organizza per la prima volta il “MonteNapoleone Chinese New Year”: la mostra di Liu Bolin, The Invisible Man, il forum sui driver dell’economia cinese all’epoca di Xi Jinping e interventi pensati per la clientela cinese sempre più amante dello shopping italiano

Il 5 febbraio 2019 si celebra il Capodanno Cinese, chiamato anche Festa della Primavera in cui si saluta l’anno trascorso e ci si prepara ad accogliere il nuovo anno che si auspica sia ricco di soddisfazioni, porti fortuna e prosperità. La data è sempre tra il 21 gennaio e il 19 febbraio, dura 15 giorni e si conclude con la Festa delle Lanterne che cade il quindicesimo giorno del primo mese lunare, quindi la data varia ogni anno. Il 2019 sarà l’anno del Maiale che simbolicamente rappresenta stabilità, generosità e altruismo.

MonteNapoleone District, che rappresenta i più prestigiosi Global Luxury Brand al mondo presenti nelle vie Montenapoleone, Verri, Sant’Andrea, Santo Spirito, Gesù, Borgospesso e Bagutta, per la prima volta sceglie di inserire il “MonteNapoleone Chinese New Year”, appuntamento dedicato al Capodanno cinese, nel palinsesto di eventi che di anno in anno accrescono il valore del distretto e l’esperienza di un mall a cielo aperto unico al mondo. MonteNapoleone District si prepara ad accogliere i turisti cinesi che sceglieranno di trascorrere nel nostro Paese le proprie vacanze, e a festeggiare insieme a quelli residenti l’evento che si svolgerà contemporaneamente a Milano e a Roma.

The Invisible Man

Con il patrocinio dell’Ambasciata cinese e del Comune di Milano, in calendario una serie di eventi faranno da cornice alla celebrazione del capodanno cinese: dal 3 al 10 febbraio lungo via Montenapoleone sarà allestita la mostra fotografica di venti immagini dell’artista cinese di fama internazionale Liu Bolin, conosciuto anche come The Invisible Man. Combinando performance e fotografia, nelle sue installazioni si mimetizza con l’ambiente per analizzare la tensione che esiste tra l’individuo e la società.

Le boutique aderenti all’iniziativa, oltre ad attivare una serie di servizi espressamente dedicati alla clientela cinese, allestiranno vetrine a tema dove faranno bella mostra di se capi di abbigliamento, gioielli e accessori che saranno apprezzati dai cinesi impegnati nello shopping più ricercato. Banditi il bianco e il nero, colori indossati in occasione dei funerali, e largo al rosso, che secondo la tradizione cinese invece è un colore di buon auspicio. Tra gli acquisti prediletti, collane, cravatte e cinture sono perfette per le coppie ma altamente sconsigliate per gli amici. E niente cappelli di color verde, perché in cinese “indossare un cappello verde” significa infedeltà coniugale

Su