Milano, il Comune vara il “Piano Freddo” per le persone in difficoltà

Duemilasettecento posti letto per i senzatetto, un numero unico per le segnalazioni attivo per la prima volta 24 ore su 24 e sabato la raccolta degli indumenti invernali

MILANO – Il Comune di Milano ha attivato le misure del cosiddetto piano freddo che, da novembre fino ad aprile, prevede il potenziamento dei posti letto normalmente a disposizione nei centri per i senza fissa dimora e l’attivazione di un numero per le segnalazioni di persone in difficoltà.

“Lo sforzo che il Comune fa per sostenere i più deboli – dichiara l’assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino – è più che raddoppiato nel giro di pochi anni, arrivando a mettere in campo un piano freddo che non ha eguali in Italia. Chi non ha una casa dove tornare sa di poter trovare un posto nelle strutture del territorio. Un impegno per cui vogliamo dire grazie a una città che non si tira mai indietro e che ogni giorno fa la sua parte”.

In queste giornate di intenso freddo, l’Amministrazione invita i cittadini a telefonare al numero unico 02 8844 7646 per segnalare la presenza di senzatetto e persone in difficoltà a causa delle basse temperature. Il servizio sarà disponibile per la prima volta 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

È stato potenziato inoltre l’orario di apertura del Casc, Centro aiuto di via Ferrante Aporti 3, che rimarrà aperto dalle 9 alle 21 dal lunedì al venerdì e dalle 12 alle 21 il sabato, la domenica e nei festivi. Negli stessi orari, chiamando il numero 0288447645 si potranno richiedere informazioni sui servizi, le strutture residenziali, le unità mobili, i centri diurni, le mense e le docce pubbliche.

Per far fronte all’emergenza freddo l’Amministrazione metterà a disposizione ogni notte 2.700 posti in oltre venti strutture sul territorio. Saranno inoltre aperti nove centri diurni per trascorrere le ore del giorno con attività ricreative, la possibilità di usufruire delle docce e di avere un pasto.

Durante le ore serali il comitato milanese della Croce Rossa, in convenzione con Fondazione Progetto Arca, gestirà le emergenze e coordinerà il servizio delle 19 associazioni del Terzo settore che mettono a disposizione le unità mobili per perlustrare la città. Quest’anno, per la prima volta, avranno a disposizione circa 15 posti letto riservati ai clochard che vengono individuati di notte dalle unità mobili e convinti ad accettare il ricovero nei centri e che potranno quindi passare la notte in uno dei posti lasciati liberi per le emergenze, prima di registrarsi al Casc il giorno successivo.

Sabato 24 novembre, inoltre, sarà la giornata dedicata alla raccolta di indumenti invernali. Dalle 9:30 alle 17:30 saranno diversi i centri di raccolta gestiti dalle associazioni del Terzo settore che si occuperanno di raccogliere le donazioni dei cittadini. Ecco gli indirizzi dove trovare i banchetti per il ritiro: piazzale Baracca/ via Enrico Toti, piazza della Repubblica, via Aldini 74, piazza Baiamonti, viale Papiniano/piazzale Cantore, piazzale L. Bettini, Arco della Pace (nella piazza tra via Abbondio Sangiorgio e corso Sempione), piazza XXIV Maggio, piazzale Argentina/via Mercadante, piazza XXV Aprile, via Pollini 4, piazza Amendola.

*

*

Su