Milano, i figli dei dipendenti comunali alla scoperta di Palazzo Marino

Con l'iniziativa "Bimbi in ufficio" oltre 300 ragazzi sono andati a scoprire le sedi delle società partecipate

MILANO – Sono stati il presidente del Consiglio Comunale, Lamberto Bertolè e l’assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Risorse Umane Cristina Tajani ad accogliere, ieri mattina a Palazzo Marino, 50 piccoli milanesi, figli dei dipendenti dell’Amministrazione, che per oltre un’ora sono stati impegnati in un’insolita seduta di Consiglio a misura di bambino. Una visita speciale nata  in occasione di “Bimbi in Ufficio 2019”, la giornata voluta dall’Amministrazione per facilitare la conciliazione dei tempi della famiglia con quelli del lavoro e del benessere aziendale. Complessivamente sono stati circa 300 i bambini, tra i 3 ai 14 anni, che ieri hanno potuto accompagnare i propri genitori e vivere con loro una giornata alla scoperta dei loro luoghi di lavoro tra laboratori, visite guidate e iniziative.

“Oggi a Palazzo Marino – ha commentato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala – è stata una giornata davvero speciale. Una cinquantina di bambini, figlie e figli di alcuni nostri dipendenti, sono venuti a conoscere il luogo dove lavorano i loro genitori. Sono stati accolti nella sala più rappresentativa, quella del Consiglio Comunale, dove si prendono le decisioni più importanti per la città e per i milanesi, a cominciare proprio da loro. Il nostro desiderio è che occasioni come queste si possano ripetere e soprattutto che diventi sempre più semplice, ogni giorno e anche per chi lavora, vivere la famiglia in modo sereno e positivo”.

Insieme alla Settimana del Lavoro Agile – ha aggiunto l’assessore Tajani –, ‘Bimbi in Ufficio’ è una bellissima iniziativa che accorcia le distanze fra vita lavorativa e familiare, creando la giusta armonia fra le due sfere. Abbiamo in mente altri progetti di intervento volti al benessere lavorativo. Il Comune di Milano è un’azienda che cresce giorno dopo giorno. E si sa, le aziende di successo investono in felicità”. 

Oltre alla “casa dei  milanesi” anche alcune  aziende partecipate (ATM, A2A, SEA, Milano Sport e Milano Ristorazione) hanno aperto le proprie sedi per una giornata interamente dedicata ai bambini. Ad attenderli un ricco programma di iniziative, visite guidate e laboratori appositamente ideati per facilitare, in maniera ludica e creativa, la comprensione delle attività lavorative e le funzioni svolte quotidianamente da mamma o papà.

Tra le opportunità offerte a bambini: il Museo del 900, che ha aperto le sue porte all’estro e alla fantasia dei più piccoli (3-6 anni) guidandoli tra i tratti e i colori dei grandi maestri del secolo scorso grazie al laboratorio artistico “Noi siamo colore”; mentre presso la sede della Direzione Organizzazione e Risorse Umane, in via Bergognone, si sono alternate le letture di un classico e un contemporaneo della letteratura infantile: Gianni Rodari e Julia Donaldson. Dello scrittore e pedagogista romano verranno interpretate alcune pagine de “Il Libro dei Perché”, mentre dell’autrice inglese “Il cane detective”. Suggerimenti di lettura utili a comprendere la parità di genere e anche la ricchezza del Sistema Bibliotecario di Milano.

Per i più grandi (3-10 anni) c’è stato spazio  anche per il più amato degli sport, il calcio, grazie da un’emozionante visita a San Siro, “La Scala del calcio“, con il suo incredibile museo dove rivivere i grandi successi di Milan e Inter, oltre a un laboratorio fotografico a cura di Afol Metropolitana. Tante anche le attività ludico sportive proposte da Milano Sport, alla piscina Cozzi e al centro sportivo Lido, per bambini dai 5 ai 14 anni.

Gli amanti della natura e delle giornate all’aria aperta (bambini 4–10 anni) sono andati alla scoperta delle piante e dei fiori simbolo degli ecosistemi della Lombardia grazie ad una interessante visita al Museo Botanico ‘Aurelia Josz’ oltre a una visita guidata alle vasche e al giardino dell’Acquario Civico.

Grazie all’apertura straordinaria dei depositi ATM per i piccoli milanesi è stato possibile scoprire le storiche vetture a carrelli oltre ai moderni vagoni della M3. Piccoli ‘masterchef’ (6-13 anni), invece, si sono cimentati con i segreti della ristorazione con il “laboratorio di cucina”, realizzato presso il Centro Cucina di Milano Ristorazione, in via Sammartini. Per i bambini (8-10 anni) gli agenti della Polizia Locale hanno aperto le porte della Sala Operativa di piazza Beccaria, illustrando come si gestisce la viabilità in una grande metropoli. A seguire, presso la scuola di formazione del Corpo, grazie a un simulatore 3D, i piccoli milanesi hanno potuto apprendere come vivere le proprie avventure in bicicletta nel rispetto del Codice della Strada e in totale sicurezza per sé e per gli altri.

Aperta anche la Casa dell’Energia di A2A dove i bambini (10-13 anni) si sono confrontati con il complesso mondo dell’energia che muove il mondo: dal petrolio al gas naturale, passando per la produzione di energia elettrica, sino all’uso appropriato delle fonti energetiche. Per i più grandi (dai 10 ai 14 anni) è stato proposto un avvincente viaggio nella storia dell’aviazione e delle aziende che hanno reso possibile il sogno di volare grazie ad una visita guidata a Volandia, organizzata da SEA.

*

*

Su