Milano, diplomatici di 23 Paesi alla presentazione di ‘Seeds&Chips – The global food innovation summit’

MILANO -L’edizione 2019 di ‘Seeds&Chips – The global food innovation summit’, in programma a Milano dal 6 al 9 maggio, è stata presentata ieri sera a Palazzo Lombardia con la partecipazione dei rappresentanti diplomatici di 23 Paesi. Il sottosegretario regionale alla Presidenza con delega ai rapporti internazionali, Alan Christian Rizzi, ha aperto e chiuso la conferenza stampa della quinta edizione del forum dedicato all’alimentazione e all’agricoltura.

Un momento del summit che si è svolto a Milano

Leggendo il saluto del presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, impegnato in una missione istituzionale all’estero, il sottosegretario ha sottolineato che: “Seeds&Chips contribuisce a tenere alto il livello del confronto sulle tematiche emerse durante Expo Milano 2015, rappresentandone, dunque, la naturale evoluzione. Food security e food safety, lotta allo spreco alimentare, sostenibilita’ del mondo agricolo: questi sono temi che la nostra Giunta regionale vuole affrontare con serietà e urgenza. La Lombardia è la prima regione agricola d’Italia e territorio di grande tradizione culinaria ed enogastronomica. Il connubio tra agroalimentare, ricerca e impresa in Lombardia è molto forte. Ne è un esempio il Cluster di Alta Tecnologia Agrofood Lombardia, che crea sinergie tra alcune delle maggiori Università, grandi imprese, PMI e realtà della ricerca lombarda per esplorare le nuove possibilità dell’agritech e dell’industria 4.0. Il capoluogo lombardo, inoltre, ospita il 10% delle startup del settore food d’Italia, mentre il’8,5% e’ presente nel territorio di Bergamo”.

Alan Christian Rizz

Con il decano del Corpo consolare e console del Libano, al Belvedere di Palazzo Lombardia, hanno assistito all’incontro i rappresentanti di Algeria, Australia, Bangladesh, Bosnia ed Erzegovina, Belgio, Benin, Brasile, Cina, Filippine, Finlandia, Francia, Kuwait, Lettonia, Messico, Paesi Bassi, Perù, Romania, Slovenia, Tunisia, Turchia, USA e Uruguay.

Dopo il successo di Expo – ha evidenziato il sottosegretario Rizzi concludendo l’incontro – questa edizione della manifestazione conferma Milano e la Lombardia come capitali mondiali del ‘food’. Eventi come questo fanno risaltare la città come punto di riferimento internazionale per le più importanti iniziative legate all’alimentazione, alle innovazioni e all’analisi dei nuovi trend del settore. Un laboratorio cosmopolita di idee e progetti dove ricerca e genialità italiana si fondono per creare nuove prospettive di sviluppo che potranno andare a beneficio della nostra economia e dell’umanità intera”

Su