Milano, al Quartiere Isola arriva La Notte Lilla

Una serata di shopping, cultura e intrattenimento che diventa una straordinaria occasione per vivere uno dei quartieri più caratteristici della metropoli lombarda

Milano, il Bosco verticale

Il lilla è un colore alla moda. Si sa. E giovedì 12 luglio arriva La notte Lilla dell’Isolacard, un’occasione per vivere il Quartiere Isola con tanti negozi aperti fino alle ore 23. Organizzato anche un circuito di attività culturali e di intrattenimento (musica dal vivo, dj set, presentazioni, mostre) a partire dalle 18.30 e fino alle 24. Ma non solo: numerosi locali, bar, ristoranti, pizzerie, pub e negozi ospiteranno concerti e performance, selezionati da Antonio Ribatti, direttore artistico dell’iniziativa. Si potranno inoltre ascoltare diverse performance di musica come quella del chitarrista e cantante brasiliano Nenè Ribeiro, il gruppo samba-rock Liga O Motoradio e noti jazzisti della scena milanese come il sassofonista Michele Bozza.

Milano

Perché a Milano c’è una zona particolare. Confinata dalla ferrovia, fuori dal caos cittadino, a metà tra il tradizionale e il futuristico. Sicuramente una delle zone che più sta subendo il processo di cambiamento e riformazione del capoluogo meneghino. È il Quartiere Isola. All’inizio, Isola era soprattutto un quartiere operaio, grazie alla vicinanza della ferrovia e di molte grandi fabbriche (tra cui la Pirelli). Negli ultimi anni, è stato sottoposto a una rivalutazione edilizia e a una forte rivisitazione architettonica. Localizzato nella parte nord della città, incastrato tra le fermate della metro Zara a nord e Garibaldi a sud, Isola si sviluppa tra la seconda metà dell’800 e l’inizio del ‘900, in seguito alla costruzione della ferrovia a partire dal 1865. Il nome del quartiere deriva proprio da questo: la ferrovia iniziò pian piano a isolare fisicamente questa zona rispetto al resto della città, trasformandola, appunto, in una sorta di isola.

Questo “confinamento”, nel corso della storia, ha sicuramente dato al quartiere la possibilità di costruirsi una propria identità, come se fosse un piccolo paese in mezzo a una grande città, dove tutti si conoscono e la vita scorre tranquilla e mai caotica. E i tratti principali del quartiere Isola sono ancora questi, punti di debolezza che sono diventati col tempo punti di forza. Le strade strette che non permettono al pazzo traffico milanese di attecchire. Le case piccole che sono quindi maggiormente abitate da giovani e da famiglie con bambini piccoli. Gli appartamenti che, essendo principalmente in affitto, danno luogo a un bel mix sociale e culturale. Il mercato e i negozi piccoli e indipendenti, con una propria identità: nessuna catena di grandi negozi o multinazionali e, quindi, più convivialità, più prodotti del territorio, più genuinità nei rapporti col cliente. Ma il Quartiere Isola è anche il luogo in cui Enzo Barbieri, il bandito galantuomo, con la sua Aprilia targata 777 come le automobili della polizia, smarmittava tra i vicoli e veniva considerato il Robin Hood lombardo.

La Notte Lilla dell’Isolacard è promossa da Associazione Isola Revel del Distretto Isola ed è organizzata da AH-UM.

Alessandra Pirri

Su