Matrimoni, divorzi e tenori di vita

Questa legge sancisce la fine legale del matrimonio e con essa della sicurezza di un compagno o una compagna per tutta la vita, oltre che del nucleo portante di una società infatti smarrita

Gran diffusione mediatica della disposizione che riguarda l’abolizione dell’obbligo di garantire al coniuge meno abbiente il tenore di vita precedente al divorzio. L’assegno mensile che gli sarà devoluto terrà conto dell’autonomia economica.

Perfetto, per quei padri che dormono in auto e vanno alla mensa dei poveri, e anche per quelli che si tirano le budella per mantenere ex-mogli. (la fama di donne che mantengono i coniugi è assai  minore, come credo il loro numero).

Giusto, quindi. Ma anche no. Visto che molte sono le donne che rinunciano al lavoro e alla carriera, o la decapitano perché una lista lunga di motivi le costringe, all’arrivo dei figli, ad occuparsene più dei mariti. Anche no, perché in Italia le infrastrutture sono circa inesistenti o molto costose e precarie. Quindi, le signore che fiduciosamente si sono occupate di figli e lavatrici, che hanno permesso ai ragazzini di frequentare corsi alle più disparate ore, economizzando su baby sitter e affini, che hanno anche curato suoceri e genitori risparmiando su badanti e infermiere, sappiano che se “lui” decide di cambiar sede e compagnia resteranno con la sopravvivenza pura (sappiamo, noi che un po’ ce ne occupiamo, quali in realtà siano gli assegni di mantenimento figli, e non parlo di Berlusconi). Quindi: per le nuove generazioni, prioritaria l’autonomia economica, senza restrizioni per figli o assistenze. Il matrimonio  è scomparso, quale impegno per tutta la vita a meno di gesti gravissimi da parte di uno dei coniugi. Gesti gravissimi per cui vediamo ogni giorno in cronaca che non c’è protezione. Scomparso, il matrimonio, divenuto un’azienda con licenziamento pendente. Nasceranno sindacati? Ci saranno madri sostitutive in paesi lontani che restituiranno i figli alla maggiore età? Non dimentichiamo che una recente disposizione comanda che non li si possano lasciar soli, i figli, fino ai 14 anni. Nasceranno orfanotrofi temporary per orfani temporanei? Io penso che ci sarà il solito caos, affettivo, logistico ed economico. Con ulteriore diminuzione del numero di figli italiani. Alla prossima mormandata, l’esame dell’entropia sociale che ci sta devastando.

Federica MormandoFederica-mormando

psicoterapeuta e psichiatra

Su