Marco Cardinalini nuovo presidente dei Giovani Imprenditori di Sistema Moda Italia

L'imprenditore, presidente anche della sezione Tessile di Confindustria Umbria, succede ad Alessandra Guffanti

Marco Cardinalini è il nuovo presidente dei Giovani Imprenditori di Sistema Moda Italia. Cardinalini, 39 anni, imprenditore di terza generazione nell’azienda di famiglia Cardinalini & C. Spa e startupper in AllDo Srl, è presidente anche della sezione Tessile di Confindustria Umbria, a cui succede a imprenditori come Brunello Cucinelli che ha guidato il comparto proprio quando era coetaneo di Cardinalini.

L’imprenditore succede ad Alessandra Guffanti e del suo consiglio direttivo fanno parte Stefano Aglietta (Italfil Lane SPA – Biella – Piemonte), Carlo Curti (SCR SPA – Como – Lombardia),  Francesco Ferraris (Finissaggio e Tintoria Ferraris SPA – Biella – Piemonte e presidente dei Giovani Imprenditori dell’Unione Industriale Biellese),  Leonardo Fortinelli (Opificio della Seta SRL – Terni – Umbria),  Elisa Fumagalli (Novaresin SPA – Lecco – Lombardia), Dino Masso (Tintoria Finissaggio 2000 SRL – Biella – Piemonte), Paola Nardelli (Industria Tessile Nardelli SPA – Martina Franca Taranto – Puglia),  Marco Scherillo  (Siola SRL – Napoli – Campania) e Francesco Terruli (Industria Tessile Nardelli SPA – Martina Franca Taranto – Puglia).

Primo punto del programma – spiega Cardinalini-  è la formazione. Le aziende manifatturiere nei prossimi anni andranno incontro ad un importante turnover con necessità di inserire nuovo personale altamente specializzato e dobbiamo essere pronti a questa sfida. Facendo leva sulla vicinanza generazionale, l’attività del gruppo giovani si svolgerà negli istituti scolastici per promuovere il settore tessile e orientare agli indirizzi moda, e dei progetti già attivi come ComON e Bifuel. In continuità con la presidenza di Alessandra Guffanti verrà confermato il progetto Connection per mettere in relazione i grandi brand internazionali con le nostre eccellenze produttive.”

Nella foto Alessandra Guffandi e Marco Cardinalini

Su