Mangiar sano: meglio evitare questi cinque alimenti

Molto spesso arrivano sul mercato nuovi prodotti contenenti ingredienti ”magici” capaci di far aumentare l’energia o perdere peso. E le aziende produttrici nei loro slogan pubblicizzano le proprietà di alcuni degli ingredienti utilizzati nella preparazione quando poi in realtà contengono più additivi e conservanti rispetto a quello che è realmente sano e naturale. E ciò a lungo andare non regala reali effetti benefici al nostro organismo.

L’unico modo per contrastare questo fenomeno è evitare quanto più possibile gli alimenti confezionati e fare uso di materie prime (meglio se biologiche) per cucinare.

Ecco 5 esempi di alimenti che a noi sembrano sani ma purtroppo non lo sono

Dolcificanti
I dolcificanti artificiali sono tutto meno che sani: aspartame, sucralosio e saccarina aumentano di fatto l’appetito e gli attacchi di fame, facendo aumentare di peso e compromettendo la salute dell’intestino. Per aggiungere dello zucchero meglio utilizzare miele, frutta, stevia o sciroppo d’acero.

Succhi di frutta
Anche se prima era considerato uno degli ingredienti base per una colazione sana, il succo di frutta è un alimento da eliminare dalla lista della spesa. Perché è pieno di zuccheri e non apporta nessun nutriente tra quelli presenti nella frutta. Come le fibre che aiutano l’assorbimento degli zuccheri nel sangue, riducono il rischio di diabete, obesità e pressione sanguigna alta.

È preferibile mangiare un frutto intero o preparare smoothie, centrifughe ed estratti preparati al momento. La frutta è ricca di vitamine, minerali e fibre e aiuta a tenere i livelli di zuccheri stabili nel sangue.

Chips di verdure acquistate in negozio
Potrebbero dal nome sembrare uno snack sano ma molto spesso sono fritte e ricche di grassi, sodio e altri ingredienti aggiunti.

Si possono fare a casa semplicemente usando verdure fresche come cavolo, carote, zucchine e ravanello in fono. Oppure, come snack, si possono preparare anche dei popcorn, dei ceci o semi di zucca tostati.

Granola acquistata in negozio
Anche se è considerata una colazione sana rispetto ad altri dolci o prodotti da colazione, la granola che si acquista al supermercato è ricca di zuccheri (può arrivare a circa 8-12 g a porzione) e di “calorie vuote” (non apportano nessun nutriente). Riempirsi di zuccheri, soprattutto di primo mattino, può avere effetti devastanti per la salute causando a lungo termine diabete e obesità.

L’alternativa più salutare è preparare tutto in casa. Non ci vogliono tanti ingredienti e non servono ore di preparazione per ottenere un ottimo muslei, granola o barrette con avena, frutta secca, semi, frutti essiccati.

Salmone dell’Atlantico (o altri pesci d’allevamento)

Il pesce è un alimento prezioso, ricco di omega 3 e macronutrienti essenziali per la nostra alimentazione. Infatti gli esperti consigliano di mangiare pesce almeno due volte la settimana. Ma ecco il salmone o i pesci di allevamento che non hanno gli stessi benefici del salmone “selvatico” perché contiene un alto numero di tossine e inquinanti ed inoltre alcuni studi hanno dimostrato che il consumo regolare del pesce di allevamento può essere causa di obesità e di aumento dell’insulinoresistenza.

Meglio scegliere i pesci ricchi di omega 3 come il salmone dell’Alaska, sgombro dell’Atlantico e sardine del Pacifico.

Su