Lotus Cup Italia, al Mugello Matteo Deflorian e Nicolò Liana mattatori del primo round

Ci si aspettava un inizio di campionato scoppiettante e le attese non sono state tradite: per Lotus Cup Italia il primo appuntamento della stagione 2019 è sicuramente tra quelli da annoverare tra i più spettacolari, complice anche il meteo che nella giornata di domenica ha scombinato i piani a più di un pilota sul tecnico circuito del Mugello.

A uscire dal weekend toscano in cima alla classifica, con all’attivo una vittoria, un secondo posto e la pole position è stato Nicolò Liana: il giovane veneto della LG Motorsport ha dapprima conquistato il miglior tempo nelle prove ufficiali (con l’inedita soluzione della “Super Pole) staccando di oltre 1” il suo diretto rivale in questo fine settimana, Matteo Deflorian. In Gara 1 però, complice una partenza strepitosa, è stato proprio quest’ultimo a portare a casa la vittoria dopo aver preso il comando delle operazioni nelle primissime fasi, sfruttando la sua maggior confidenza con l’asfalto bagnato causa pioggia arrivata proprio prima del via. Liana, dal canto suo, ha contenuto gli attacchi continui di un ottimo Francesco Garisto con cui ha dato vita ad un duello entusiasmante, riuscendo a stargli davanti sotto la bandiera a scacchi per pochi centesimi. Quarto al traguardo Manuel Bissa, partito in sordina ma sempre più veloce giro dopo giro, tanto da arrivare a insidiare Liana e Garisto nella lotta per il podio. Ottimo quinto Luciano Tarabini, vincitore tra i piloti del Trofeo Hankook, davanti ad un altrettanto veloce Andrea Rayneri con la Elise Cup PB-R del team Pellin Racing. Tra gli “Over 50”, successo di Fabio Radice davanti al monegasco Vito Utzieri mentre uno dei grandi attesi, il bi-campione Franco Nespoli, ha dovuto alzare bandiera bianca proprio in griglia di partenza per un problema di natura elettrica.

Matteo De Florian in alto Nicolò Liana

In Gara 2, con la griglia di partenza delineata dall’inversione delle prime 8 posizioni in qualifica, erano Luciano Tarabini e Giacomo Giubergia a scattare dalla prima fila sotto un cielo minaccioso: uno scatto troppo repentino quello del poleman che costava a Tarabini un “drive through” per partenza anticipata mentre non ci mettevano molto Liana, Deflorian, Garisto e Bissa e risalire, ridando così vita allo stesso duello multiplo che aveva contraddistinto Gara 1. A posizioni invertite, era quindi Matteo Deflorian a salire sul gradino più alto del podio davanti a Liana e Garisto, ancora una volta bravo a contenere un coriaceo Bissa, autore nel corso della lotta di uno splendido sorpasso alla Savelli. Quinto Franco Nespoli (Cipriani Motorsport), al top tra gli “Over 50” mentre il successo tra i protagonisti del Trofeo Hankook è andato ad Andrea Rayneri, decisamente a suo agio sui saliscendi del Mugello durante tutto il fine settimana.

Per Lotus Cup Italia ora qualche giorno di pausa prima di scendere in pista a Imola nella giornata di mercoledì 17 per una nuova sessione di test collettivi, per poi concentrarsi sul secondo round della serie in programma nel weekend del 10-12 Maggio a Franciacorta nell’ambito della NASCAR Whelen Euro Series

Su