Le pulizie di primavera aiutano a migliorare la qualità della vita

Un sondaggio di Vileda, brand leader nel mercato dei prodotti per la pulizia della casa, afferma che l’80% degli  italiani si appresta annualmente a svolgere le fatidiche operazioni primaverili

Le chiamano pulizie di primavera ma in verità è un modo per definire le grandi pulizie che si eseguono a ogni cambio di stagione e gli italiani sono gli indiscussi campioni! Questo è il risultato di un’indagine internazionale sulle pulizie di primavera condotto da Vileda.

Come professa da anni la guru giapponese Marie Kondo, la pulizia e il riordino aiutano a migliorare la qualità della vita; il disordine è il riflesso di un indiscutibile caos interiore e, allo stesso tempo, la confusione esterna genera una sensazione di sconforto.

Attraverso il sondaggio di Vileda è emerso, infatti, che il 54% degli intervistati è motivato a fare le pulizie di primavera proprio per la piacevole sensazione di benessere e pulito che appare dopo. Tuttavia è l’84% della generazione over 45 che tende a pulire in maniera più accurata ed approfondita, concentrandosi soprattutto su finestre, tende e pavimenti. I giovani invece tra i 18/44 anni preferiscono pulire le finestre e i pavimenti, oltre ad avere una particolare predilezione per la cappa della cucina. Tra le faccende casalinghe quella meno amata è sbattere i materassi, seguita da scrostare il forno e pulire il congelatore/frigorifero.

Ma le pulizie di Primavera sono anche liberatorie? Il 66% dei giovani intervistati (18/44 anni) e il 58% degli over 45 pensano proprio di si.

Alla specifica domanda “Perché fai le pulizie di primavera”, oltre al 54% – sopra citato – motivato per la piacevole sensazione di benessere e pulito che appare dopo, il 40% ha dichiarato per eliminare gli allergeni e prevenire le malattie e il 27 % per sistemare e far spazio a cose nuove; un’assoluta minoranza – solo il 4% – per far felice  il proprio compagno/compagna.

Il sondaggio conferma la sensazione popolare che le pulizie di primavera siano però più un lavoro di routine che un reale piacere: l’84% degli italiani, infatti, ritiene che sia un compito necessario, mentre gli entusiasti delle pulizie di primavera sono chiaramente in minoranza, solo il 7% trova l’attività divertente.

I dati si basano su un’indagine condotta da YouGov Deutschlöand GmbH, in cui 5.242 persone (italiani, tedeschi e inglesi) hanno partecipato dal 22 al 25 febbraio 2019. I risultati sono ponderati e sono rappresentativi per la popolazione di 18 anni e più.

*

*

Su