La storia di Julia in ‘Marito amore incubo’ il libro della psicologa Paola Maria Taufer

Donne vittime di violenza sono il tema dell'esordio in qualità di scrittrice della psicologa psicoterapeuta trentina Paola Maria Taufer

Dopo una vita di violenza, dove si trovano il coraggio e la forza di andare avanti, e addirittura superare i ricordi, le sensazioni e le paure legate alla persona da cui dovremmo ricevere protezione e amore? Come si affronta la realtà di un marito violento, e come si  torna a vivere?

È ciò su cui indaga la psicoterapeuta trentina Paola Maria Taufer raccontando nel libro “Marito amore incubo” la storia di Julia, una donna che, a fatica, percorre la strada verso la libertà dalla violenza.

Un percorso lungo il quale accompagna Julia verso la libertà, narrato per volere della stessa protagonista, nel suo snodarsi lungo tre difficili anni fatti di incontri e di lunghi silenzi necessari per riassorbire le ferite e lasciare andare dolore e ricordi.

Il libro fa parte della collana Vita Vissuta, della Reverdito Editore, e sarà in vendita da fine mese nelle librerie e negli shop on line.

All’inizio sono piccoli segnali, facili da fraintendere, comodamente occultabili dietro gli inganni e le illusioni dell’amore. Poi arrivano le violenze e i maltrattamenti psicologici.

Violenza subita, violenza vissuta e sopravvivenza. Un famiglia e una vita intera raccontate dalla protagonista di una storia che l’ha sempre dipinta succube, debole, impotente. Ma che mantiene forza tra i gesti di brutalità e i momenti di dolcezza amara che è costretta a vivere. Un amore che diviene ben presto il peggiore degli incubi. Giornate che rendono l’esistenza vacillante e sempre sul filo del rasoio: cosa succederà oggi? Mi salverò?

Julia non sa se ce la farà, non pensa al domani. Rimane pronta ad accettare il suo destino, ma fino a quando? Finché una parte di sé si ribella.

E’ una battaglia difficile, dove a fronteggiarsi ci sono l’amore per i figli, i sensi di colpa, il bisogno di tenere unita la famiglia, la speranza di un miglioramento, ma anche il forte bisogno, istintivo, primordiale, di non perdere se stessa, la propria identità.

E’ una storia incompleta e aperta, ricca di quelle contraddizioni tipiche della vita reale, ma una storia che termina comunque con una vittoria, nel duro lavoro di introspezione che Julia ripercorre e la riporta ad essere protagonista della propria vita: accettare il proprio passato e costruire lentamente il proprio futuro.

E’ proprio per avere e vivere un futuro che Julia mi chiede di raccontare la sua storia, di renderla pubblica  attraverso la pubblicazione di un libro. Me lo racconta durante un lungo lavoro che va ben oltre la psicoterapia.

Lo desidera fortemente condividere, affinché altre donne, che magari intravedono nel proprio partner segnali simili, sappiano dove la spirale della violenza domestica può portare.

Paola Maria Taufer, psicologa e psicoterapeuta, ha lavorato molti anni  nella formazione delle figure sanitarie e nell’educazione degli adulti. Cofondatrice della SIPAA, Società Italiana Psicologia dell’Adulto e dell’Anziano, di cui è tutt’ora Presidente, si è occupata di invecchiamento di successo e di patologie dementigene. È consulente di strutture per anziani. Ha prodotto nel 2015 un cortometraggio dal titolo “Ti ho incontrata domani”, in cui tratta la malattia di Alzheimer, che ha vinto il premio come miglior film della categoria a Cannes (2016). È stata ospite come esperta in diverse trasmissioni in radio e in televisione, e su riviste italiane (Starbene, Liberetà…).

Svolge l’attività di psicoterapeuta a Trento e a Milano.

 

Su