La Lombardia è la prima regione italiana nell’utilizzo dei fondi europei

MILANO – “Siamo i migliori in Italia nell’utilizzo dei fondi europei, questo significa che abbiamo investito sui nostri cittadini, sulle nostre imprese, sulle nostre attività, su Ricerca e Innovazione, significa che stiamo facendo un buon lavoro. Non ci fermiamo, è un grande risultato per il bene della Lombardia e soprattutto dei lombardi“.

Lo ha detto il vice presidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione delle imprese, Fabrizio Sala, commentando gli ultimi dati Ue relativi al Por (Programma Operativo Regionale) Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) 2014-2020.

Nel caso di programmi multifondo (che coinvolgono, benché in minima parte, anche il Fondo Sociale Europeo), la Lombardia si conferma la prima regione italiana nell’utilizzo di Fondi Europei. Entro la fine del 2018 infatti dovrà ‘assorbire’ 24,5 milioni di euro che rappresentano il 21,9 % delle risorse.

In altre parole, la Lombardia è una delle due regioni, insieme all’Emilia (che è in seconda posizione per utilizzo fondi Ue in quanto deve trovare destinazione a 16,4 milioni pari al 26,7% del target 2018) che deve certificare alla Commissione Ue meno del 30% dell’obiettivo fissato per il 2018.

A livello nazionale, il dato complessivo indica che entro l’anno l’Italia deve assorbire quasi 2,8 miliardi di euro, il 47,4% dei 5,9 concordati per i 30 programmi nazionali e regionali che usano soldi Fesr.

Su