La libertà

Affido la mormandata di oggi a un poeta che pochi giovani conoscono: Aldo Palazzeschi (chi ricorda l’acquarello poetico “Rio Bo”?)
Ecco la sua LIBERTÀ, da”Via delle cento stelle “(1972). Invito tutti a leggerla e poi a riflettere, possibilmente a lungo.

Condannata in teoria
durante il ventennio dell’era fascista
faceva del suo meglio per esistere
nella pratica della vita quotidiana
e vi riusciva perfettamente vivendo clandestina
giacché in un paese assuefatto alla tirannia
la restrizione provoca nei cittadini la solidarietà
un’arte sopraffina per superarla.
Conclusa l’era fascista
e proclamata ai quattro venti la libertà
esaltata come la sola regola di vita
a poco a poco la vediamo scomparire
nella pratica della vita quotidiana
creando una zona oscura
di cui ognuno paventa o diffida
e sormontata
da un’accecante insegna luminosa:
Libertà.
L’uomo vissuto a lungo nella tirannide
la tirannide ce l’ha nel sangue
e nel midollo delle ossa,
e una volta posto in clima di libertà
la prima libertà che si piglia
è quella di togliere agli altri la libertà.
Siamo dunque un cannone che spara dalla culatta?

Federica Mormando

psicoterapeuta e psicanalista

*

*

Su