“InTribe”, la startup al femminile per le analisi di mercato

Mirna Pacchetti e Marzia Di Meo hanno creato nel 2016 una piattaforma per capire le caratteristiche dei consumatori attraverso giochi, contest e intelligenza artificiale. Nell’ultimo mese tre primi posti nelle manifestazioni dedicate agli imprenditori tech

Giochi, intelligenza artificiale e tecnologie avanzata: queste le chiavi del successo di “InTribe”, una startup tutta al femminile che ha da poco vinto tre prestigiosi contest.

Così Mirna Pacchetti, ceo e Qualitative Data Scientist di InTribe a capo del progetto di analisi predittive, e Marzia Di Meo, coo e Project Manager dello sviluppo del PaaS (Platform as a Service) hanno dato vita nel 2016 a InTribe, la tech startup che si è affermata nel panorama delle imprese tecnologiche in rosa. In meno di un mese ha collezionato un premio speciale e due importanti vittorie in contest del settore:   “Zamma Award” al NTT Data Open Innovation Contest (24 gennaio),  Magic Wand di Digital Magics (18 febbraio) e Miss in Action di Digital Magics (21 febbraio).

Le giovani imprenditrici hanno portato il futuro nelle indagini conoscitive di mercato, realizzando progetti di customer insight partendo dall’osservazione attenta del dato per comprendere contesti e sviluppi futuri, grazie ad attività di gamification (giochi e contest) con tecnologie di Intelligenza Artificiale e machine learning, i partecipanti vengono coinvolti nelle indagini di mercato in modo avvincente e interattivo.

“Abbiamo partecipato a tre contest – commenta Mirna Pacchetti- con la speranza di vincerne almeno uno. Essere premiate in tutti e tre è stato fantastico, alla terza premiazione eravamo letteralmente senza parole. Queste vittorie sono per noi la conferma che la nostra startup sta veramente creando qualcosa d’innovativo, che può attirare importanti investimenti”.

Raffaele Biglia

*

*

Su