Il Consiglio Comunale dei Ragazzi di Meda incontra il Garante dei Diritti dei Minori

MILANO – Questa mattina si è svolto un incontro fra il Consiglio Comunale dei Ragazzi di Meda (MB) e il Garante regionale per l’Infanzia e l’Adolescenza, Massimo Pagani. All’appuntamento con un’ottantina di ragazzi, che si è tenuto presso la sala consiliare del Comune di Meda, hanno partecipato anche il sindaco Giuseppe Caimi e l’assessore al Bilancio Furio Cecchetti. Si è trattato della conclusione di un lungo lavoro degli studenti con i loro insegnati e con la vicesindaco e assessore comunale all’istruzione Simona Buraschi, sui temi dei diritti dei minori, della legalità e della sicurezza dei giovani contro gli abusi. I ragazzi del CCR hanno dialogato con Massimo Pagani, ponendo le loro domande ed esprimendo le loro curiosità. Molto sentiti il tema del bullismo, fisico e virtuale, e del rapporto con i social. Sull’argomento il Garante ha ricordato ai ragazzi le regole di sicurezza per la “frequentazione” sicura del web e l’aiuto al proposito che si può avere anche dal Corecom, il Comitato regionale per le comunicazioni, in particolare per quanto riguarda i casi di cyberbullismo.

Pagani ha invitato i ragazzi ad avere fiducia nella comunità, nella famiglia, nella scuola e nel sistema delle istituzioni per fronteggiare i pericoli tipici del tempo della “rete” ed ha ricordato anche che all’Ufficio del Garante ci si può rivolgere direttamente per un orientamento e un aiuto. A questo organismo, cui spetta un’azione di sensibilizzazione sui diritti dei fanciulli e degli adolescenti, ci si può rivolgere per avere indicazioni sulle strade da percorrere per ottenere delle azioni di tutela. Il Garante è infatti la figura regionale di garanzia per i minori, un’autorità indipendente istituita con la legge regionalen.6 del 2009 in esecuzione della Convenzione dell’ONU sui diritti del fanciullo e della Convenzione europea sullo stesso argomento. L’iniziativa di oggi fa appunto parte del lavoro di sensibilizzazione, di informazione e di contatto col territorio che è nelle prerogative di questo organismo regionale. Sensibilizzazione che verrà rivolta anche alle scuole che vengono quasi quotidianamente in visita didattica in Consiglio regionale.

 

Nella foto un momento dell’incontro

Su