Il centenario degli alpini inizia con un omaggio letterario alla montagna

All’Auditorium Testori di Milano sabato 12 gennaio (ore 15), oltre all’esibizione del Coro AlpinoMilanese, verranno premiati i vincitori del “Concorso letterario nazionale Parole intorno al fuoco”: un’ode allo spirito montanaro

La “marcia” di avvicinamento verso l’Adunata del Centenario in programma il 10,11 e 12 maggio prossimi a Milano, dove appena un anno dopo la fine della Grande Guerra nacque l’ANA (Associazione Nazionale Alpini), parte con la cultura e il racconto del grande amore per la montagna.

Il “Concorso letterario nazionale Parole intorno al fuoco”, ideato e organizzato dalla sezione ANA di Treviso e dal Gruppo Alpini Arcade con il patrocinio del Coa (Comitato organizzatore adunata), ha l’obiettivo di esprimere attraverso le parole i valori più profondi che definisco “l’alpinità”: la condivisione, il rispetto della natura e lo spirito altruista.

Il tema della rassegna a cui si sono dovuti ispirare gli iscritti di quest’anno era “La montagna: le sue storie, le sue genti, i suoi soldati, i suoi problemi di ieri e di oggi”. La vincitore del concorso, giunto quest’anno alla ventiquattresima edizione, è Gabriella Brumat di Turriaco (Gorizia), al secondo posto altra presenza femminile con Loreta Chenetti di Belluno, infine Fabio Tittarelli di Roma si aggiudica la medaglia di bronzo.

Questo sabato, alle ore 15, all’Auditorium Testori di piazza Città di Lombardia di Milano si svolgerà la premiazione ufficiale, l’invito è esteso a tutti i cittadini per assistere anche alle voci del coro alpino meneghino.

Raffaele Biglia

 

 

 

Su