“Global Strike for future”, Regione Lombardia a fianco delegazione di giovani di ‘Rete Milano per il clima’

MILANO – Regione Lombardia scende in campo nel giorno del ‘Global Strike for future’. Ieri pomeriggio l’assessore regionale all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo ha incontrato una delegazione di giovani di ‘Rete Milano per il clima’, soggetto nato per aggregare varie anime ambientaliste, accompagnata dalla presidente di Legambiente Lombardia Barbara Meggetto e dal vicepresidente Marzio Marzorati. Al centro dell’incontro, a Palazzo Lombardia, cui hanno preso parte anche il direttore generale della Direzione Generale Ambiente e Clima Mario Nova e il direttore generale di Arpa Fabio Carella, le azioni messe in campo dalla Regione Lombardia a tutela dell’ambiente.

A sinistra Mario Nova, Raffaele Cattaneo e Mario Nova

“Sono molto soddisfatto di questo incontro – ha detto l’assessore regionale all’Ambiente e Clima Raffaele Cattaneo – perché a nessuno può essere tolto il diritto di avere un futuro, ma averlo è un dovere di chi lo rivendica. Apprezzo che i nostri giovani si siano messi in moto per ricordare a chi ha responsabilità che per contrastare i cambiamenti climatici servono interventi immediati. In tal senso, Regione Lombardia ha messo in pratica varie azioni concrete sin dal 2010 per l’adattamento e la mitigazione del cambiamento climatico ma forse ancora il lavoro non è stato ben percepito da tutti come la vera sfida del momento. Per affrontare questi temi abbiamo istituito l’Osservatorio regionale sull’economia circolare e la transizione energetica. Il tavolo si riunirà per la seconda volta a metà aprile e ho chiesto alla delegazione di giovani di essere presente, al fine di formulare richieste, proposte e osservazioni direttamente in quella sede”.

“Regione Lombardia – ha spiegato l’assessore regionale – ha attivato varie azioni per affrontare problemi prioritari. Ad esempio, per migliorare la qualità dell’aria abbiamo stanziato 50 milioni per il rinnovo dei veicoli commerciali e privati e partiremo con la ‘black box’. Per l’efficientamento energetico di edifici pubblici sono stati pubblicati bandi per oltre 60 milioni di euro e stiamo lavorando per aumentare la produzione di energia rinnovabile, oggi già in linea con gli obiettivi dell’Unione Europea. Sono positivi anche i numeri relativi alla raccolta differenziata, comparto in cui la Lombardia è leader, ma puntiamo sempre e comunque a migliorare”. 

“Quella del contrasto ai cambiamenti climatici – ha concluso Cattaneo – è una sfida che si vince solo remando tutti nella stessa direzione: costruiamo proposte insieme ai giovani impegnati giustamente in prima linea per difendere il proprio futuro”.

Su