Export, in Lombardia 63 mila operatori per 110 miliardi di euro di merci esportate in un anno

Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati Istat- ICE, anni 2006-2016

Export in crescita per la Lombardia. 89 miliardi di euro: è il valore dell’export lombardo nei primi nove mesi del 2017, +7,3% rispetto allo stesso periodo del 2016. Circa un quarto di tutte le esportazioni italiane nella prima metà dell’anno sono partite dalla Lombardia. Milano con oltre 30 miliardi, Brescia e Bergamo con oltre 11, Monza e Brianza e Varese con oltre 7 miliardi sono i territori che esportano di più. Un anno positivo che vede una crescita dell’export a due cifre per Monza e Brianza (+15%), Cremona (+16%), Lodi (+14%). Bene anche le importazioni che crescono del 7,2% superando i 92 miliardi di euro, circa un terzo del totale italiano. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati Istat relativi al terzo trimestre 2017 e 2016.

Ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, presidente di Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi per le attività internazionali: “Il 2017 è stato un anno particolarmente favorevole per gli incontri organizzati a vantaggio delle imprese lombarde e italiane e per l’attività di assistenza condotta nei follow-up, affinché questi incontri si possano sempre più tradurre in opportunità concrete. Stiamo beneficiando di una maggiore attenzione per il made in Italy che va di moda nel mondo. Il prodotto italiano piace per gusto e qualità, a partire da importanti settori come fashion, design, oltre all’alimentare, anche sull’onda di Expo Milano 2015. Un modo per sviluppare e far crescere la nostra presenza economica a livello internazionale. Con questo bando diamo un contributo concreto al business locale attraverso il rilancio della domanda estera”.

Al via un bando per le imprese che esportano da 500 mila euro. Promos, azienda speciale della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi per le Attività internazionali propone servizi ad hoc per favorire i processi di export delle piccole e medie imprese lombarde: ricerca di controparti estere selezionate nei principali mercati internazionali e percorsi strutturati che vanno dall’analisi del fabbisogno dell’azienda fino all’apertura di presidi commerciali nel mercato individuato. Per questi servizi e altri servizi la Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi mette a disposizione delle imprese del territorio 500 mila euro attraverso il “Bando per l’Internazionalizzazione delle MPMI del territorio di Milano 2018”. L’obiettivo del Bando è di favorire e sostenere i processi di internazionalizzazione delle MPMI milanesi, monzesi e lodigiane attraverso azioni di formazione, supporto organizzativo e assistenza finalizzate alla preparazione ai mercati esteri, in stretta collaborazione con ICE-Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, Sace, Simest e Cassa depositi e prestiti. Il sostegno prevede un contributo fisso a fondo perduto da utilizzare per un pacchetto di servizi erogati da Promos-Azienda Speciale per l’internazionalizzazione della Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi – a fronte di una spesa minima a carico dell’impresa beneficiaria.

Il Bando sarà presentato presso le sedi di Monza e Lodi rispettivamente il 13 e il 15 marzo alle ore 10.

Per informazioni:

http://www.promos-milano.it/In iziative/Bandi-E-Finanziamenti /Bando-Internazionalizzazione- 2018.kl

Mercati in crescita. L’Europa si conferma il principale mercato per la Lombardia con il 70% circa dell’interscambio e una crescita del business coi paesi dell’Unione Europea (+ 7,3% l’export a quota 50 miliardi e + 8,2% l’import di 61 miliardi) e dei Paesi europei non UE (+3,6% l’import, +8,6% l’export). Bene gli scambi con Stati Uniti e America del nord (+14% l’export a 7,4 miliardi, +10% l’import a 2,7 miliardi). Anche col Sud America sale l’export del + 8%. Cresce il business con l’Africa centro-meridionale (+10,5% l’import, +5% l’export). Si rafforzano gli scambi con Cina, Giappone e Asia Orientale (export di 9 miliardi, +9%).

Su