Dopo New York la mostra “International Surrealism Now” arriva in Portogallo

Santiago Ribeiro, l'artista surrealista più famoso del mondo del 21° secolo, è sugli schermi di Times Square, New York, ovvero il più grande incrocio multimediale del mondo. E ora arriva a Coimbra

Quando l’automatismo psichico libera le potenzialità immaginative dell’inconscio. Dopo la mostra d’arte multimediale nella piazza di Times Square, a New York, la mostra  “International Surrealism Now” di Santiago Ribeiro va a Coimbra, in Portogallo. Le opere del pittore surrealista portoghese sono esposte dallo scorso luglio sugli schermi multimediali di Thomson Reuters e Nasdaq OMX Group, a Times Square, la piazza multimediale più famosa del mondo, e verranno esposte ancora per tutto il 2018. Sogni e visioni, e l’immagine surreale metaforica di Ribeiro sorprende, rompe e scatena sentimenti contrastanti.

I suoi dipinti sono stati descritti come “composizioni complesse che illustrano le profonde preoccupazioni della società moderna e il suo comportamento individuale e collettivo”. “Cerco sempre di fare qualcosa di nuovo, diverso e innovativo e l’idea di esporre a Times Square vuole significare che i media e le nuove tecnologie sono un modo moderno di diffondere la nostra arte”, ha affermato  Ribeiro. E i suoi lavori saranno esposti, con degli intervalli, durante tutto l’anno in corso e tra gli sponsor dell’evento si trovano la Bissaya Barreto Foundation, la Coimbra Chamber e lo studio nordamericano MagicCraftsman.

Nato a Coimbra, Portogallo, Ribeiro ha frequentato corsi d’arte presso Escola Avelar Brotero e la Escola Superior de Educação a Coimbra e ha organizzato e partecipato a numerose mostre personali e collettive in Portogallo e all’estero. Il lavoro di Ribeiro è stato presentato presso l’Ambasciata degli Stati Uniti a Lisbona, e su diverse importanti testate di arte e cultura come Pressenza.fr, MetroNews.ru, Pravda in portoghese, The Herald Notizie, Associated Press e molte altre pubblicazioni che possono essere visualizzate al justpaste.it/1gnhc. Ha dedicato la sua vita alla pittura e alla promozione dell’arte surrealista del XXI secolo attraverso mostre in tutto il mondo come Berlino, Mosca, Dallas, Los Angeles, Mississippi, Varsavia, Nantes, Parigi, Firenze, Madrid, Granada, Barcellona, Lisbona, Belgrado, Monte Noire, Romania, Giappone, Taiwan e Brasile.

Partecipano alla più grande mostra d’arte surrealista del mondo del 21° secolo ben 107 artisti surrealisti provenienti da 45 paesi e cinque continenti. I paesi rappresentati includono: Algeria, Argentina, Australia, Austria, Azerbaigian, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Cina, Colombia, Croazia, Repubblica Ceca, Cuba, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Islanda, Indonesia, Iran, Irlanda, Israele, Italia, Giappone, Messico, Marocco, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Nigeria, Filippine, Polonia, Portogallo, Romania, Russia, Serbia, Slovenia, Svezia, Turchia, Regno Unito, Stati Uniti, Ucraina, Venezuela e Vietnam.

Alessandra Pirri

*

*

Su