“Control’asma&BPCOweek”, torna la campagna preventiva per non rimanere “Senza fiato”

Controlli anche a Milano e in tutta la Lombardia dal 21 al 25 maggio per sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi connessi a un non adeguato controllo di asma

L’infiammazione cronica delle vie aeree. E’ questo il denominatore comune di asma e BPCO, malattie croniche dell’apparato respiratorio e chi ne è afflitto non respira, come si suol dire, “a pieni polmoni”. E se i sintomi dell’asma sono episodi ricorrenti di dispnea e respiro sibilante, spesso associati a tosse e senso di costrizione toracica che possono essere determinati da fattori quali l’esposizione ad allergeni, le infezioni virali e l’esercizio fisico. Nella BPCO (BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva ) i sintomi, differentemente dell’asma non sono frequenti ma continui, con episodi di riacutizzazione. Esame principe per la diagnosi di asma e BPCO è la spirometria, una corretta diagnosi è necessaria per una giusta terapia. Comunque, solitamente l’asma insorge nell’infanzia in soggetti atopici, ma si registrano casi in cui si sviluppa tardivamente. Mentre, la BPCO solitamente inizia in età adulta in soggetti fumatori ed ex-fumatori.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi connessi a un non adeguato controllo di asma e BPCO, torna “Control’asma&BPCOweek” un evento a carattere nazionale che prevede l’offerta a pazienti con asma o BPCO di consulenze gratuite presso numerosi Centri specialistici italiani nella settimana dal 21 al 25 maggio 2018. Si potrà effettuare una valutazione di controllo dello stato della propria patologia e ricevere informazioni utili alla sua gestione. L’iniziativa è promossa da FederASMAeALLERGIE Onlus, con il patrocinio di SIAAIC e di SIP/IRS, e con il supporto non condizionato di AstraZeneca.

Anche a Milano e in tutta la Lombardia si potranno avere consulenze gratuite per meglio gestire queste patologie. Come spiega Salvatore Lo Cicero, direttore Struttura Complessa di Broncopneumotisiologica ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda Ca’ Granda di Milano: “Le patologie respiratorie croniche, come l’asma e la BPCO, sono spesso trascurate dai pazienti. Per poter condurre una vita normale ed evitare il rischio di riacutizzazioni, è necessario sottoporsi regolarmente ai controlli e seguire attentamente le indicazioni del proprio medico.

L’edizione dello scorso anno prevedeva controlli solo ai malati di asma, ma visto il successo dell’iniziativa, che ha offerto a 1.100 pazienti la consulenza gratuita, la campagna dell’edizione 2018 prevede anche coloro che sono afflitti da BPCO, una patologia che solo in Italia colpisce tra il 6% e l’8% dei soggetti con età superiore ai 40 anni e che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità è la come quarta causa di morte con la previsione che divenga la terza causa entro il 2020. Rilevante, inoltre, il ruolo dell’importanza nella continuità delle terapie. Infatti, solo poco più della metà dei pazienti con asma (56%) assume farmaci in maniera continua e regolare, mentre il 44 % evita di prenderli o li sospende o ne cambia il dosaggio senza consultare il proprio medico. Motivi? Il 33% dei pazienti pensa di stare meglio e di non averne più bisogno, il 21% crede che i farmaci servano solo quando si manifesta la difficoltà a respirare, in ultimo il 18% è convinto che la malattia non richieda una terapia così protratta. Comunque il consiglio dei medici è sempre quello di smettere di fumare, sottoporsi al vaccino anti-influenzale, continuare nelle proprie attività preferite, incluso l’esercizio fisico. Tra i centri di Milano che hanno aderito all’iniziativa, UO Pneumologia, Ospedale Niguarda, UO Pneumologia, ASST Santi Paolo e Carlo Presidio San Carlo, UO Pneumologia, ASST Fatebenefratelli – Ospedale “L. Sacco” . Per prenotazioni  (800 62 89 89) e indicazioni  http://www.facebook.com/controlasmabpcoweek

Manuelita Lupo

*

*

Su