Come attirare gli investitori esteri: summit in Regione Lombardia

L'assessore Alessandro Mattinzoli: Creare una  Task Force per uniformare le regole tra i  territori e semplificare la burocrazia

Ha fatto tappa a Milano, in Palazzo Lombardia, il “Tour italiano attrazione investimenti” dedicato all’esame delle capacità attuali del territorio regionale di attrarre capitali stranieri, che poi si trasformano in importanti investimenti.

Il bilancio sullo stato attuale è senz’altro positivo. Ma per mantenere alto il livello del brand Lombardia l’assessore regionale lombardo allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli lancia due proposte: una task force per la semplificazione burocratica e una maggiore uniformità nei criteri da territorio a territorio  in quanto “ un investitore ha bisogno di regole certe e procedimenti più veloci”.

 Pur con diverse sfaccettature da  provincia a provincia, la Lombardia  mantiene un andamento   positivo sul piano della produzione grazie anche  al continuo afflusso degli investimenti  esteri, un  fattore di crescita cui la Regione dedica da anni particolare attenzione mettendosi a confronto  con altri territori e promuovendo azioni mirate  per estendere le buone pratiche che già esistono.

I nodi ancora da sciogliere l’assessore Mattinzoli,  nell’intervento conclusivo,  li ha ricapitolati sotto due punti: “Pur riconoscendo la necessità di rispettare le specificità  dei singoli territori, esistono troppe ingiustificate disparità di regole da regione e regione, come  per esempio in materia paesaggistica. L’altro capitolo aperto è quello semplificazione burocratica”. A quest’ultimo proposito l’assessore ha impegnato la Regione a promuovere, tra tutti i protagonisti dello sviluppo economico, la creazione di una task force per assicurare agli investitori stranieri risposte certe in tempi brevi.

Per avviare questo processo innovativo è però quanto mai indispensabile il gioco di squadra e associazioni di categorie ed enti intermedi sono invitati a parteciparvi offrendo indicazioni e sollecitazioni.

Raffaele Biglia

*

*

Su