ClassicAperta, per portare la musica classica nelle periferie milanesi

Concerti, letture, mostre e convivialità diffuse in tutto il Quartiere Adriano nell’appuntamento del 9 giugno di ClassicAperta, la rassegna milanese organizzata dall’Associazione per MITO Onlus.

Fondata nel 2016 con l’obiettivo di portare la musica classica nelle periferie, l’Associazione per MITO Onlus con il progetto ClassicAperta invita a riscoprire alcuni luoghi ricchi di grande storia popolare e culturalmente molto vivaci, favorendo l’integrazione urbana e accorciando la distanza con i quartieri più centrali. Con il coinvolgimento di giovani musicisti della Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, del Conservatorio Giuseppe Verdi e caratterizzata da diversi tipi di convivialità, la giornata scorre fuori dalla frenesia metropolitana in cinque avamposti che resistono orgogliosi con le loro storie di tradizioni:Curt de l’America, Casa Berra, Villa De Ponti, Villa Lecchi Pallavicini e la Bottega del Fabbro Bresciani.

Curt de l’America – Via Padova 275

Curt d’America

Ultimo crocevia cittadino di emigranti italiani dell’inizio del ‘900, in attesa di andare a Genova dalla Stazione Centrale per poi cercare fortuna negli Stati Uniti, Curt de l’ America è molto suggestiva perché rimasta invariata.

Villa De Ponti – Via San Mamete 42

Cortile Villa De Ponti

Nell’antica dimora soprannominata ‘la perla della riviera di Crescenzago’, stimato esempio di architettura barocca che da quasi quattro secoli si specchia nel Naviglio Martesana, sarà presentato il progetto ‘Habitat scenari possibili’, nato con lo scopo di realizzare opere d’arte site specific lungo il naviglio. Il concerto di un Quartetto di clarinetti con musiche di Poulenc, Stravinsky, Fauré, Mozart, Curtis, Carter, Sutermeister e un momento conviviale ‘salato’ con i prodotti della Fornarina, un eccellente fornaio del quartiere.

Villa Lecchi Pallavicini – Via Privata Meucci 2

Sede di due attivissime istituzioni culturali come l’Associazione Amici Casa della Carità e l’Associazione Villa Pallavicini, Villa Lecchi Pallavicini risale al XVIII secolo ed è stata edificata direttamente sulla Martesana, a ridosso del ponte che collega via Adriano con via Padova. Sul terrazzo affacciato sul Naviglio si esibirà il Corpo Musicale di Crescenzago, una della bande civic

Villa Lecchi Pallavicini

Presentate da Meravigli Edizioni le letture di Giancarlo Mele tratte da ‘Leonardo e Monna Lisa: improvvisazione in costume’,  Edo Brichetti da ‘Memorie e luoghi del Naviglio Martesana’ e Simona Scuri da ‘Ona fam de sonador’, intervallate dal concerto del Quartetto di sassofoni con musiche di Piazzolla, Gershwin, Mozart, Iturralde, Ros e degustazioni di cous cous.

Casa Berra

Casa Berra – Via Berra 10

Nell’ex convento del XIII secolo acquistato cinque secoli dopo dall’illustre agronomo Domenico Berra, importante autore di trattati sull’agricoltura e la coltivazione delle marcite, a Casa Berra i rilfettori saranno acccesi anche sue due mostre. Una riguarda il restauro di un’antica Monofora curato proprio dalla Onlus MITO e l’altra riguarda l’agricoltura in relazione all’evoluzione dell’umanità. In serata il concerto di un Quartetto d’archi con musiche di Mozart e l’offerta dei prodotti della Gelateria Sociale Ero Straniero.

Officina del Fabbro Bresciani – Via San Mamete 38/40

Fabbri da quattro generazioni, la Bottega di Giuseppe Bresciani si trova negli spazi di una ex-filanda lungo la Martesana. Si è scelto questo luogo per ospitare ClassicAperta a testimonianza della tradizione manufatturiera di qualità che caratterizzava questa zona. Basta ricordare tra le tante aziende la Magneti Marelli, la Wander che produceva l’Ovomaltina e la Sada che ha dato origine alla Simmenthal.  Tra letture di Fernando Ornaghi da ‘Il sindaco Domenico De Ponti’ e ‘Da filanda De Ponti a Officina Bresciani’, Luciano Marabelli da ‘Il Naviglio Martesana nella storia’ e ‘La roggia Dardanona e le vie d’acqua’, Ferdy Scala da ‘La Banda Musicale di Crescenzago’ e ‘Il Ponte sul Naviglio’. Il concerto sarà eseguito dal Quartetto di flauti con musiche di Guiot, Castérède, Bethomieu e Bodin de Boismortier.

Forno Fornaghi

L’Associazione per MITO Onlus è nata a maggio 2016 per sostenere, affiancare e arricchire le attività sociali del Festival Internazionale MITO SettembreMusica ed è stata voluta e incoraggiata dalla Presidente del Festival MITO Anna Gastel. Nel corso del Festival MITO 2016 Associazione per MITO Onlus ha sostenuto parte dei costi dei concerti del Festival MITO studiati per i bambini e ha offerto la possibilità a famiglie in difficoltà con bambini di assistervi con ingressi gratuiti e con l’organizzazione dei trasporti. L’iniziativa è stata realizzabile grazie ai contatti della Onlus con 200 volontari e al coordinamento con gli assessorati ai servizi sociali dei comuni di Milano e Torino che hanno favorito la collaborazione con associazioni e cooperative già impegnate in queste realtà quali la Cooperativa “Farsi Prossimo”, L’associazione “L’impronta” e “Pepita Onlus” a Milano e l’associazione “Area”, il Volontariato Vincenziano e l’Ufficio Pio della Compagnia di San Paolo a Torino. Considerato il riscontro positivo, Associazione per MITO Onlus ha in programma un investimento maggiore nel corso del Festival MITO 2017 e nei prossimi anni.

Associazione per MITO Onlus può contare sul supporto del Comune di Milano e su una fitta rete di Istituzioni pubbliche che attraverso il proprio sostegno rendono possibili le attività: Municipi, Conservatorio di Musica “G. Verdi” di Milano, Civica Scuola di Musica Claudio Abbado, Case Circondariali-Ministero Giustizia, Istituti Scolastici pubblici di Milano.

9 giugno
Musica classica e convivialità nei cortili del Municipio 2 di Milano

dalle 15:00 alle 20:00

www.xmito.it

Su