Centinaia di aeroplani di carta esposti al Terminal 1 all’aeroporto Malpensa

Presentazione della mostra

MILANO – A Milano Malpensa atterra una flotta speciale, quella di Ultra Flying Objects: centinaia di aeroplani di carta sono esposti al Terminal 1 dell’aeroporto. Non si tratta solamente di una mostra, ma di un progetto dal forte valore ambientale per attirare l’attenzione sulla raccolta differenziata della carta e del cartone. Il progetto è realizzato con il sostegno di Comieco, SEA e Volandia e ideato da ilVespaio e Tam Tam. Sono circa 300 gli aeroplani della collezione Ultra Flying Objects esposti dal 13 settembre e progettati da 75 designer, artisti e studenti: autori del calibro di Alessandro Mendini, Stefano Giovannoni, Alessandro Guerriero, Matteo Ragni, Guido Scarabottolo, Ico Migliore e Mara Servetto, Olimpia Zagnoli e molti ancora.

Aeroporto Malpensa con gli aeroplani di carta

Il percorso della mostra, curata da Sebastiano Ercoli e Alessandro Garlandini, si snoda dall’uscita della stazione dei treni al piano degli arrivi e comprende costellazioni di aeroplanini coloratissimi appesi al soffitto, enormi aeroplani di oltre 3 metri con grafiche sorprendenti e aeroplani di un metro con messaggi ambientali. UFO a Malpensa è un’occasione per far decollare la creatività, ma anche per far salire ancora la quota della raccolta differenziata di carta e cartone in Italia. SEA, la società che gestisce gli aeroporti di Milano, ha raccolto nel 2016 a Milano Malpensa quasi 500 tonnellate di carta e cartone avviate a riciclo.

Un ottimo risultato che può essere ancora migliorato con la collaborazione di tutti, a partire dai passeggeri che ogni giorno transitano nell’aeroporto: oltre 19 milioni di passeggeri all’anno, 19 milioni di possibilità per stabilire nuovi record di raccolta della carta. Come? Per esempio usando i contenitori della raccolta della carta presenti in aeroporto per conferire giornali, riviste e tutta la carta che non serve più. Grazie alla raccolta differenziata, 4 imballaggi su 5 vengono oggi riciclati e rinascono sotto forme nuove evitando che materie prime prendano il volo.

Per tutta la durata del progetto, inoltre, saranno organizzati nel weekend laboratori per i bambini: i più piccoli potranno cimentarsi nella costruzione degli aeroplanini d’autore. Durante i laboratori, che si svolgeranno a Volandia, Parco e Museo del Volo ricavato negli edifici delle storiche Officine Aeronautiche Caproni adiacenti all’aeroporto, i bambini sperimenteranno anche i kit di PowerUp Toys, che trasformano gli aeroplanini di carta in piccoli droni con propulsori elettrici.
Ultra Flying Objects è una collezione opensource e chiunque può scaricare gratuitamente i modelli degli aeroplanini dal web, stamparli e costruirli, seguendo le istruzioni o i videotutorial: tutti i modelli sono pubblicati sul sito www.ufoamalpensa.org. I viaggiatori possono inoltre pubblicare foto con i loro aeroplanini con gli hashtag #UfoaMalpensa e #LaCartaVola e diventare volano di informazioni per una corretta raccolta differenziata della carta anche quando si viaggia.
Ultra Flying Objects è un progetto de ilVespaio e Tam Tam, nato da un’idea di Sebastiano Ercoli e Alessandro Garlandini. Oltre che all’Aeroporto di Milano Malpensa, è attualmente in mostra a Milano al Triennale Design Museum.

Hanno partecipato a Ultra Flying Objects: 4P1B e Antonio de Marco, Yasemin Albayrak, Anna Barbara – SenseLab, Matteo Beraldi, Marco Boldrini – Zetalab, Andrea Brugnera, Alessandro Busci, Giorgio Camuffo e CamuffoLab, Sergio Cascavilla, Stefano Castiglioni – aquapotabile, Pietro Corraini, Chiara Crisoliti per Ass. Cult. Marchebestway, EnricoPrennaStudio, Sebastiano Ercoli, Eva Escoms Estarlich, Pietro Follini, Alessandro Garlandini, Mauro Gatti, Giacomo Ghidelli, Alberto Ghirardello, Clara Giardina, Alessandro Guerriero, Floris Hovers, Anastasia Kucherova e Sergio Romeo – Ro.K architects, Dario Lazzaretto, Alessandro Marelli, Daniela Maurer, Alessandro Mendini, Ico Migliore e Mara Servetto – Migliore+Servetto Architects, Giacomo Moor, Emiliano Ponzi, Matteo Ragni, Melissa Renzi, Barbara Ripari e Federica Urbani – Spaziodabitare, Giovanni Rivolta e Nicoletta Savioni – A4Adesign, Massimo Rosati, RovattiDesign, Elena Salmistraro, Guido Scarabottolo, Stefano Seletti, Maurizio Splendore, Sabrina Tajé, Laura Tardella, Antonia Teatino, Giorgia Ugo e Marcello Marelli – Laboratorio16, Olimpia Zagnoli, Maurizio Zorat, e gli studenti del corso di social design di NABA, guidati da Claudio Larcher e Sara Ricciardi.

Aeroporto Malpensa

*

*

Su