Buona Pasqua, misteriosa e splendente

Buona Pasqua, misteriosa e splendente. Chissà perché, nella comunicazione il Crocefisso vince sulla Resurrezione. Ho sempre sperato che li mettessero in successione, i due dipinti-statue, perché è la Resurrezione che dà significato alla crocefissione. E perché al di là del cristianesimo, il simbolo dovrebbe essere presente nella nostra vita, dall’educare dei figli della mollezza al dare speranza a chi è martirizzato.
Pesah, in ebraico “passaggio”. Per gli ebrei, Pasqua celebrava la liberazione dalla schiavitù dell’Egitto, la rinascita collegata alla libertà.

Per noi, colombe e uova (l’uovo è simbolo di nascita, sia o no di cioccolato). Insomma Pasqua è un gran messaggio anche per chi non crede. Vince chi resuscita, chi si rialza. Questo è da insegnare ed imparare. Ai ragazzi che non sanno reagire, perché nessuno li ha abituati a cavarsela. A quelli che danno in escandescenze o sprofondano in depressione di fronte a un giudizio negativo o a una presa in giro. A chi non sa sopportare. E a tutti noi, quando un dolore soffoca ogni speranza.

Federica Mormando

psicoterapeuta e psichiatra

*

*

Su