Bracconieri sempre più aggressivi in Lombardia, pescano con corrente elettrica

Grave depauperamento dei fiumi dove i pescatori di frodo usano sostanze anestetiche, candeggina e reti ad uncino, i volontari non ce la fanno più

Bradley Martin, il nemico dei bracconieri che ha dedicato la sua vita a combattere i trafficanti di avorio, è stato trovato morto domenica mattina nella sua casa di Nairobi. Si apprende la notizia alla fine di un incontro a porte a chiuse nel palazzo del Coni di Milano tra Massimo De Rosa, Davide Tripiedi del Movimento 5 stelle, Fernando Landonio, presidente Federazione Pescatori Sportivi Rescaldina e Lorenzo Ziboni, consigliere federale Fipsas, Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee.

“Cambieranno i politici ma spero non cambi la sensibilità sul grave problema del bracconaggio in Lombardia – dichiara preoccupato Fernando Landonio – i bracconieri sono bande sempre più cattive, qualche volta, grazie ai nostri volontari, riusciamo a fermare qualche barca, sono uomini dell’est che pescano pesci grandi come siluri e carpe, con metodi illegali, destinati ai loro mercati.  Il danno che la pesca di frodo compie sull’ambiente e nei nostri fiumi oramai è spaventoso”.

E se il vecchio ritornello di Bertoli diceva: “Pesca forte tira pescatore” qui il tirare ha il volto della pesca con corrente elettrica, sostanze anestetiche, candeggina, reti ad uncino e il rischio è il depauperamento totale.

Tonnellate di pesce vengono trafugate di notte per poi essere rivenduto nei paesi dell’Est, e anche nei nostri mercati. La pesca di frodo è devastante per l’ecosistema ed ha assunto proporzioni da disastro ambientale, distruggendo numerose specie ittiche”.

“Il bracconaggio è una minaccia per la salute dei cittadini a causa della pesca invasiva con vendita abusiva senza autorizzazioni – interviene Massimo De Rosa –  ed inoltre a causa dell’inquinamento dei nostri fiumi, soprattutto del Po e di alcuni suoi affluenti, i pesci accumulano sostanze cancerogene. Non lasceremo soli i pescatori, anzi, collaboreremo e ci coordineremo per maggiori tutele sul territorio, soprattutto vigileremo per capire chi deve fare e cosa, ci prenderemo le responsabilità istituzionali aprendoci alla collaborazione tra le associazioni e federazioni, per una maggior tutela del territorio, per la sicurezza alimentare e delle persone. Siamo convinti che la presenza dei pescatori e del controllo degli enti sia fondamentale per preservare il territorio e le acque”.

“La chiusura della Polizia Forestale e della Polizia provinciale ha indebolito noi e dato ancora più forza a queste bande di delinquenti – dichiara Landonio – I nostri volontari non ce la fanno più, sono pescatori e imprenditori che per salvaguardare le proprie attività aiutano a tenere il territorio sotto controllo, ma hanno le mani legate, non hanno alcun potere”.

Con il deputato del M5S, Davide Tripiedi, i due emendamenti approvati in legge di stabilità nel 2017 stanziano fondi per combattere il bracconaggio ittico e per evitare i danni causati dalla subsidenza.

“l primo fondo ottenuto grazie ad un emendamento a mia prima firma – precisa Tripiedi – è volto a contrastare il fenomeno del bracconaggio nelle acque interne ed avrà una dotazione iniziale di un milione di euro all’anno per tre anni. Quello dei pescatori di frodo è un dramma che ha portato ad una grave riduzione della fauna ittica e a continue situazioni di pericolo per la popolazione che vive sul Po. Diversi sono gli episodi dove i bracconieri hanno minacciato o intimidito con armi da fuoco chi cercava di contrastarli». 

Il Movimento 5 stelle nel luglio 2017 ha presentato una nuova interrogazione specificando che “l’introduzione della legge 154 del 2016 non ha risolto il problema della pesca di frodo” e che, a giudizio del gruppo politico, “per fermare definitivamente i bracconieri che agiscono sul fiume Po e sui suoi immissari, sarebbe necessario aumentare in maniera considerevole le unità di forze dell’ordine operanti in loco accompagnandole ad operazioni di coordinamento tra loro ed inasprendo le contravvenzioni e le pene previste nelle suindicate norme vigenti”.

 

*

*

Su