Autodromo di Monza e GP di F1 punti di riferimento di Regione Lombardia

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana intervenendo alla presentazione del Gran Premio d'Italia di Formula 1 in programma a Monza da venerdì a domenica

MONZA – “Per la Regione Lombardia il Gran Premio d’Italia e l’Autodromo di Monza erano, sono e saranno sempre punti di riferimento da preservare e rendere, se possibile, ancor più competitivi. Ancora una volta il modello Lombardia basato sul coinvolgimento diretto e sulla collaborazione di tutti gli attori chiamati in causa, così come è successo per la candidatura di Milano e Cortina alle Olimpiadi 2026, si è dimostrato vincente“. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana intervenendo alla presentazione del Gran Premio d’Italia di Formula 1 in programma a Monza da venerdì a domenica alla quale erano present anche il vice presidente Fabrizio Sala e l’assessore allo Sport e Giovani, Martina Cambiaghi.

Attilio Fontana durante il suo intervento

“L’attenzione agli investimenti – ha proseguito Fontana – è testimoniata da parte nostra anche dalla ‘Convenzione per la concessione dell’Autodromo nazionale di Monza ad Aci’, in cui Regione Lombardia ha concordato un comune e congiunto impegno a realizzare lavori di adeguamento, nuove opere indispensabili per la sicurezza o manutenzioni richieste in ottemperanza alle prescrizioni delle autorità sportive e dalle normative. E’ obiettivo della Giunta regionale far vivere l’Autodromo e valorizzare l’importante contributo pubblico, sostenendo – oltre al Gran Premio – tutte le attività compatibili con il Parco e le iniziative del Consorzio che possano creare un legame profondo, costante e diffuso con i cittadini”.

Da sinistra Giuseppe Redaelli, Dario Allevi, Sticchi Damiani, Attilio Fontana e Geronimo La Russa

“L’impegno di Regione Lombardia non si esaurisce con il supporto al Gran Premio – ha continuato Fontana – è infatti attivo, per esempio, un accordo con il Politecnico di Milano, dal valore complessivo di 2 milioni di euro di risorse regionali, per la creazione di un’infrastruttura di ricerca e innovazione per la mobilità sostenibile, che prevede in particolare l’attivazione di un simulatore dinamico di guida”. 

E un’anteprima del simulatore sarà a disposizione degli appassionati presso lo stand di Regione Lombardia in Autodromo durante i giorni del Gran Premio.

“La nostra intenzione – ha concluso Fontana – è quella di rendere l’Autodromo un luogo di sperimentazione dell’innovazione tecnologica connessa alla ‘smart mobility’ e ai sistemi di trasporto a guida autonoma. Il simulatore offrirà alle aziende dell’automotive la possibilità di dimostrare, in ambiente sicuro e in modo concreto, le potenzialità delle proprie innovazioni prima di averle realizzate; inoltre consentirà di verificare l’interazione fra utenti della strada e infrastrutture, prima che queste ultime siano costruite, con studi sulla sicurezza della guida per disabili o anziani”.

Attilio Fontana

Va ricordato che Regione Lombardia ha voluto anche quest’anno premiare gli studenti lombardi che hanno raggiunto il traguardo della maturità regalando ai neodiplomati 300 biglietti per le prove del 6 settembre.

Nella foto in alto il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, insieme al vicepresidente e assessore regionale alla Ricerca e Innovazione Fabrizio Sala e all’assessore allo Sport e Giovani Martina Cambiaghi,  alla presentazione del Gran Premio di F1 che si correrà a Monza domenica e, da sinistra, Giuseppe Redaelli (presidente Sias), Angelo Sticchi Damiani (presidente Aci), Dario Allevi (sindaco di Monza), da destra Geronimo La Russa (presidente Aci Milano)

 

*

*

Su