Arriva “(S)pie in missione”: suore alla riscossa contro il male, tra salmi e calze a rete

Dopo quelle di Fullin, altre suore al Teatro Martinitt di Milano. Anche queste dovranno scordarsi la vita tranquilla del convento

Una commedia ancora una volta tra risate e riflessioni, in programma al Martinitt di Milano dal 16 maggio prossimo al 2 giugno 2019. Liberamente ispirata a un fatto di cronaca, conclude in bellezza la stagione del Teatro-Cinema del capoluogo lombardo. Ambientata in Thailandia, è un monito a combattere lo sfruttamento della prostituzione e in generale la tratta degli esseri umani. Un tema tristemente attuale, senza tempo, caro all’associazione Talitha Kum, con sede italiana a Roma, che ha accolto positivamente l’idea di questo spettacolo, divertente ma impegnato.

Tre suore giunte dall’Italia, ospiti di una missione a Phuket, diverse per carattere e vocazione, si trovano ad affrontare un’emergenza che le vede unite nell’intento di non limitarsi a pregare, ma agire sul campo. Per smascherare il racket dello sfruttamento della prostituzione, dovranno abbandonare la sicurezza del convento e dell’abito che indossano. A Phuket, in Thailandia, la missione di Suor Maria, sostenuta dall’ingegner Peretti, ospita tre sorelle venute dall’Italia per un convegno: suor Ida, suor Piera e la severa madre Luisa. Chivi, una giovane del luogo, ha bisogno del loro aiuto: dove lavora come ballerina, al Devil’s house, viene in realtà sfruttata come prostituta e tenuta prigioniera. Le quattro suore vogliono aiutarla, ma l’unico modo per salvare la ragazza e sabotare l’orribile racket è… fingersi prostitute. Con coraggio e un pizzico di protagonismo daranno così il via a una vera e propria missione. E ci sarà da ridere.

Biglietteria: lunedì 17.30-20, martedì-sabato 10-20, domenica 14-20. Ingresso: 24 euro spettacoli Fuoriclasse, 26 euro spettacoli Campioni. Abbonamenti a partire da 62 euro.

 

Alessandra Pirri

Su