Alla Triennale di Milano il seminario “Shenzhen la città del Design”

Shenzhen, Città Creativa UNESCO per il Design dallo skyline in continuo divenire, ha scelto Milano come cornice per il seminario di presentazione promosso dal Governo municipale di Shenzhen (Shenzhen Municipal Government) e organizzato dal Dipartimento pubblicitario di Shenzhen Città del Design (Shenzhen City of Design Promotion Office), in programma mercoledì 13 giugno presso La Triennale di Milano, Salone d’Onore, dalle ore 17.30 alle ore 19.

Al Seminario “Shenzhen la città del Design” sono stati invitati professionisti e rappresentanti delle più importanti Associazioni, Università e Industrie italiane attive nel settore del design. Dopo i saluti istituzionali di Wang Weizhong (sindaco di Shenzhen), di Song Xuefeng (console generale della Repubblica Popolare di Cina in Milano) e di Cristina Tajani (assessore a Politiche del lavoro, Attività produttive, Commercio e Risorse umane del Comune di Milano), verrà presentata al pubblico la sempre più innovativa, futuristica e dinamica città di Shenzhen, Zona Economica Speciale della Cina a partire dal 1978.

“Abbiamo scelto Milano perché è fra le città più importanti al mondo – ha dichiarato Wang Weizhing, sindaco di Shenzhen – per il design, e in assoluto la prima in Italia. Per noi poterci confrontare con l’eccellenza italiana è innanzitutto sempre un grande onore. Il design esprime la personalità di un popolo”.

Lontano è ormai il ricordo del suo passato come piccolo villaggio di pescatori all’inizio degli anni ’80: oggi Shenzhen è una metropoli nel sud della Cina che unisce il proprio patrimonio culturale a quello innovativo, conta oltre 15 milioni di abitanti, ed è stata inserita nella Top 20 delle città più innovative del pianeta.

Capitale hi-tech, ad appena 35 km da Hong Kong, Shenzhen è la città cinese dove, in percentuale, viene depositato il più alto numero di brevetti, superando anche Pechino.

Insignita del titolo di Città Creativa UNESCO per il Design nel 2008, Shenzhen è internazionalmente riconosciuta per l’eccellenza nel settore, rispetto al quale si distingue anche nei diversi comparti, inclusi grafica, prodotto, architettura e interni. Il Governo Municipale di Shenzhen (Shenzhen Municipal Government) ha fortemente sostenuto il settore del design con significativi investimenti, trasformando l’industria manifatturiera locale in un polo d’avanguardia.

A Shenzhen nel dicembre 2017 è stato inaugurato il Design Society, il primo museo cinese per il design, un vero e proprio “tempio” dove il design diventa catalizzatore sociale, nato dal connubio tra China Merchants Shekou (cmsk) e il Victoria an Albert Museum di Londra.

Inoltre, da aprile 2017 Shenzhen organizza ogni anno la Design Week, “Festival del Design” di richiamo internazionale che per un’intera settimana anima la città con un fitto calendario di eventi e attività ispirati alla progettualità creativa, con l’obiettivo di favorire lo scambio culturale tra Paesi.

La Shenzhen Design Week è sponsorizzata dalla Municipalità di Shenzhen (Shenzhen Municipal Government) ed è organizzata dal Dipartimento pubblicitario di Shenzhen Città del Design (Shenzhen City of Design Promotion Office), affiancato dall’omonima associazione (Shenzhen City of Design Promotion Association – SDPA) in funzione di segreteria organizzativa.

Fiore all’occhiello della manifestazione è il Shenzhen Global Design Award (SDA), pensato per valorizzare e premiare i designer che più si distinguono per creatività, visione, lungimiranza e capacità di contaminazione. Oltre all’ingente premio pari a 200.000 dollari US, SDA garantisce ai progetti vincenti e ai loro autori un’importante occasione di visibilità a livello locale e internazionale, attraverso varie iniziative che spaziano dalla copertura mediatica al tour espositivo.
L’incontro di Milano sarà dunque anche l’occasione per presentare l’edizione 2019 del Shenzen Global Design Award con le modalità di partecipazione.

Il Shenzhen Global Design Award è destinato a diventare il canale preferenziale attraverso il quale designer e istituzioni straniere possono penetrare il grande mercato cinese, facendo emergere i propri talenti.

*

*

Su