Alla giornalista Marisa Fumagalli e allo chef Gianfranco Vissani il premio Gusto DiVino/Don Mario Fiasconaro 

Uno degli eventi enogastronomici siciliani più attesi, tra degustazioni wine tasting, show cooking, dibattiti, spettacoli e concerti 

Promosso dall’Associazione DiVino Festival e adottato dall’azienda Fiasconaro, che assegna delle menzioni speciali in memoria del fondatore dell’omonima azienda, don Mario Fiasconaro, il premio è stato quest’anno consegnato allo chef Gianfraanco Vissani e alla giornalista del Corriere della Sera Marisa Fumagalli.

La motivazione, per entrambi, è l’essersi contraddistinti nel settore enogastronomico, ovunque nel mondo, contribuendo col proprio lavoro e la propria passione a diffondere ad ampio raggio la cultura enologica e alimentare.

Marisa Fumagalli durante la premiazione

“Ogni anno è un’emozione consegnare il Premio dedicato a nostro padre alle eccellenze del settore, perché è un piccolo gesto per ricordarlo e per contribuire alla crescita di una memoria condivisa – spiega il maestro pasticcere Nicola Fiasconaro, che assieme a fratelli Fausto e Martino gestisce l’azienda –Abbiamo scelto di consegnare il Premio a Gianfranco Vissani per la sua storica attività divulgativa della cucina italiana e delle varietà territoriali e per Marisa Fumagalli, per avere contribuito con i suoi importanti articoli a far viaggiare i lettori nella nostra cultura enogastronomica”.

“Grazie per questo premio e per avermi invitato in questo posto bellissimo – ha commentato lo chef Gianfranco Vissani a margine della consegna del premio – Oggi ho avuto modo di conoscere molte persone in un paese bellissimo, come è bellissima la nostra Italia. Voi siete la Sicilia, un po’ sacrificata ma bellissima”.

“Sono onorata di essere tornata a Castelbuono e di ricevere questo Premio –  ha commentato Marisa Fumagalli, dopo aver ritirato il riconoscimento – Castelbuono è un paese bellissimo, ricco di cultura, soprattutto enogastronomica e noi abbiamo il dovere di esaltarla”

Il premio consegnato a Gianfranco Vissani

Nel corso della kermesse, inoltre, si è celebrato uno speciale “asse Sicilia – Piemonte”, tra Castelbuono e il comune piemontese di Venasca (CN).  Ha partecipato al DiVino Festivaluna delegazione del Comune di Venasca, composta dal sindaco Silvano Dovetta e due consiglieri comunali, e il pittore Fausto Nazer, che ha donato le sue opere agli insigniti del Premio Don Mario Fiasconaro. Ai premiati, come da tradizione della cerimonia di premiazione, anche le opere del maestro Pippo Madè.

Sapori, profumi e alchimie della Sicilia sono la suggestiva cornice della storia e della tradizione dell’azienda dolciaria Fiasconaro, nata nel 1953 a Castelbuono, nel cuore del parco delle Madonie, in provincia di Palermo. Oggi l’azienda, giunta alla terza generazione è un’eccellenza del made in Italy, con un fatturato di oltre 18 milioni di euro e una crescita del 20% su tutti i principali mercati: Italia, Canada, Francia, Stati Uniti, Germania, Inghilterra, Australia e Nuova Zelanda e con un orizzonte strategico rivolto al mercato asiatico. Fiasconaro è totalmente made in Sicily e anche il suo indotto segue la territorialità. Il panettone e la colomba Fiasconaro rappresentano il core-business dell’azienda e cresce sempre di più l’incidenza della linea di prodotti continuativi: torroncini, cubaite, creme da spalmare, mieli, marmellate, confetture e spumanti aromatici.

*

*

Su