Agricoltura, stanziati 8 milioni per impianti di energia pulita da Regione Lombardia

MILANO – Pubblicato dalla Regione Lombardia, nell’ambito del Piano di sviluppo rurale, il bando dedicato alle aziende agricole per il sostegno alla realizzazione e allo sviluppo di attività di produzione di energia. La dotazione finanziaria è di 8 milioni di euro. Le domande possono essere presentate fino al 5 settembre 2019.

“Il legame tra l’agricoltura e l’ambiente è indissolubile e sempre più stretto – ha detto l’assessore regionale all’Agricoltura,  Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi, illustrando il provvedimento -. Vogliamo sostenere le aziende agricole nei processi di innovazione. Avere cicli produttivi sempre più sostenibili a livello ambientale significa anche avere un posizionamento migliore sul mercato”. 

“L’obiettivo – ha aggiunto Rolfi – è stimolare la competitività del settore agricolo e garantire la gestione sostenibile delle risorse naturali. Vogliamo contribuire a tutelare l’ambiente attraverso lo sviluppo di attività complementari a quella agricola rivolte alla produzione e all’utilizzo delle energie rinnovabili. Anche questa è una forma di multifunzionalità agricola – ha concluso l’assessore -, che vogliamo supportare, per incrementare il reddito delle imprese agricole, sfruttando in chiave ambientale le risorse come i reflui, che rappresentano una opportunità sia per la fertilizzazione dei suoli, pratica che vogliamo favorire per togliere spazio a sostanze chimiche, che per la produzione di energia”.

Sono ammissibili i seguenti interventi:

– realizzazione di nuovi impianti di recupero e/o produzione di energia termica;
– realizzazione di nuovi impianti per la produzione e l’utilizzo di biogas;
– sistemi di recupero di biogas;
– realizzazione di nuovi impianti termici o di cogenerazione ad alto rendimento;
– realizzazione di nuovi impianti fotovoltaici appartenenti alla tipologia ad integrazione architettonica;
– realizzazione di nuovi impianti per la produzione di energia idroelettrica che utilizzano acque già derivate e scorrenti in canali esistenti o in acquedotti di montagna;
– costruzione di nuovi impianti per la produzione di biometano.

*

*

Su